rotate-mobile
Cronaca

Sigarette elettroniche non a norma, maxi sequestro dei carabinieri

I carabinieri del Nas di Genova hanno sequestrato tre mila fra dispositivi e liquidi privi del marchio di sicurezza Ce. Una dozzina i negozianti multati per trenta mila euro totali. I punti vendita incriminati in centro, alla Foce e San Fruttuoso

Genova - Oltre a essere stato uno dei regali più gettonati a Natale, la sigaretta elettronica entra ufficialmente nel novero dei beni di largo consumo. Già, visto che, a quanto pare, comincia a prendere piede il mercato del falso.

I carabinieri del Nas di Genova hanno sequestrato tre mila fra dispositivi e liquidi privi del marchio di sicurezza Ce. Una dozzina i negozianti multati per trenta mila euro totali di sanzioni. I punti vendita finiti nel mirino dei militari si trovano prevalentemente in centro, alla Foce e a San Fruttuoso.

Secondo quanto confermato dai carabinieri, l'operazione non ha interessato marchi noti come Ovale o Smokie's. O meglio, anche questi fornitori sono stati controllati risultando però in regola. Il materiale nocivo proveniva invece dalla Cina e veniva venduto in punti vendita nati negli ultimi tempi per sfruttare la corsa ai regali di Natale.

Secondo un sondaggio Doxa il 20 per cento degli ex fumatori usa le sigarette elettroniche, ma ancora non è chiaro se la fantomatica pipetta funzioni davvero o no, se sia comunque nociva per la salute o meno. Secondo il parere dell'osservatorio fumo, alcol e droga dell'istituto superiore di Sanità le sigarette elettroniche sono meno tossiche delle tradizionali bionde, il che non vuole dire però che siano completamente innocue.

Ma cosa c'è all'interno dell'ultimo ritrovato per cercare di smettere di fumare? Il congegno contiene una resistenza che, attivata da una batteria ricaricabile al litio, trasforma in vapore le essenze posizionate all'interno. Poi va aggiunta la nicotina, in dosi che oscillano fra i 6 e i 18 milligrammi.

Dopo gli anni del boom per il contrabbando di sigarette, chissà che anche per la sigaretta elettronica non sia venuto il momento di sfondare nel mercato del sottobanco. I carabinieri mantengono alta la guardia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sigarette elettroniche non a norma, maxi sequestro dei carabinieri

GenovaToday è in caricamento