rotate-mobile
Cronaca

Sicurezza in città: a Genova una telecamera ogni 2mila abitanti

Negli ultimi tre mesi il sistema di video sorveglianza cittadino è stato potenziato: a oggi sono oltre 300 le telecamere sparse sul territorio, strumento indispensabile per le forze dell'ordine

Aumentano le telecamere a Genova: raccogliendo l’appello delle forze dell’ordine, che hanno più volte indicato i sistemi di video sorveglianza come fondamentali per la risoluzione e la prevenzione dei reati, negli ultimi tre mesi il Comune ha installato 30 nuovi “occhi elettronici”, che portano il numero totale a oltre 300.

Facendo una media, si tratta di una telecamera ogni 2mila abitanti: a Marassi, in particolare, ne è stata installata una di nuova generazione con 5 obiettivi indipendenti tra loro, in grado di riprendere in alta definizione e di essere orientata da remoto in verticale e in orizzontale. I dati sensibili che verranno immortalati verranno trattati secondo la normativa sulla privacy, partendo da un cartello che segnala la zona sottoposta a sorveglianza video.

L’obiettivo, come confermato dalle istituzioni, è potenziare ulteriormente i controlli sul territorio cittadino, soprattutto riguardo a eventuali minacce terroristiche, portando a 400 il numero complessivo di telecamere entro il 2018: «Si tratta di un grande aiuto al reparto investigativo della Polizia Municipale e alle forze dell’ordine, che possono consultare, nel corso delle indagini, tutte le telecamere installate dal Comune di Genova - ha commentato Stefano Garassino, assessore comunale alla Legalità - Un’elevatissima percentuale di sinistri stradali, soprattutto quelli con omissione di soccorso, vengono ricostruiti grazie alle immagini video che spesso aiutano a incastrare i pirati della strada».

Nel 2010 le telecamere in città erano 30, munite di pannelli fotovoltaici, che si sono poi rivelati inadeguati a causa delle condizioni meteo. Si è passati quindi a modelli più “robusti” di nuova generazione con tecnologia wireless sino a quella realizzata di recente in piazza Manzoni, a Marassi. 

«In questi mesi abbiamo preso contatto con diverse imprese e realtà cittadine che si sono rese disponibili a contribuire finanziariamente al’installazione di nuovi impianti di video sorveglianza - ha aggiunto l’assessore all’Ambiente, Matteo Campora - Ciò dimostra la grande attenzione che questa Amministrazione ha raccolto intorno al tema della sicurezza»

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza in città: a Genova una telecamera ogni 2mila abitanti

GenovaToday è in caricamento