menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Settimana di controlli per la Polstrada: su 400 alcol test, solo 5 positivi

Un altro guidatore è risultato sotto effetto di sostanze psicotrope. Ma il dato è confortante e pare dovuto anche alle restrizioni per contenere l'emergenza sanitaria

Su quattrocento persone controllate alla guida in una settimana dalla polizia stradale della Liguria, solo cinque sono risultate in stato di ebbrezza. È il bilancio di un'operazione, denominata 'Alcohol & drugs', svolta in contemporanea in tutta Europa, dal 7 al 13 dicembre 2020, programmata da Roadpol (European Roads Policing Network).

Roadpol è una rete di cooperazione tra le polizie stradali, nata sotto l'egida dell'Unione Europea, alla quale aderiscono tutti gli Stati membri, tranne la Grecia e la Slovacchia, oltre la Svizzera, la Serbia, la Turchia e, in qualità di osservatore, la polizia dell'Emirato del Dubai (Emirati Arabi Uniti).

L'Italia, rappresentata dal servizio polizia stradale del ministero dell'Interno, ricopre la presidenza onoraria. L'organizzazione sviluppa una cooperazione operativa tra le polizie stradali europee, con l'obiettivo di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali in adesione al Piano d'Azione Europeo 2011-2020. Tale attività si sviluppa attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne 'tematiche' in tutto il Continente, all’interno di specifiche aree strategiche.

L'obiettivo ultimo è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, armonizzando l'attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo operativo Roadpol.

Lo scopo della campagna 'Alcohol & drugs' è stato quello di effettuare controlli per l’accertamento della guida in stato di ebbrezza. A tal fine la polizia stradale ha predisposto, sull’intero territorio nazionale, l’effettuazione, per tutto il periodo in questione, di mirati controlli con etilometri, con particolare attenzione anche ai conducenti di veicoli pesanti e commerciali.

Il dato che è emerso dai controlli della stradale ligure è piuttosto confortante: complici le restrizioni relative alla pandemia, la chiusura dei locali alle 18 e il divieto di spostamenti tra le 22 e le 5 di mattina, solo 5 conducenti su 400 sono risultati in stato di ebbrezza alcolica e uno soltanto in condizioni alterate da sostanze psicotrope.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Dati positivi, oggi saremmo in zona gialla»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento