Cronaca

Speleologo genovese ferito in una grotta, salvato nella notte

Era scivolato rimanendo bloccato, un amico ha chiamato i soccorsi

Non sono gravi le condizioni dello speleologo genovese protagonista di una disavventura ieri nella grotta del Baldiseolo, a Bardineto nell'entroterra savonese.

L'uomo, un 53enne di Sestri, si era ferito a una gamba scivolando all'interno della cavità naturale, rimanendo bloccato per diverse ore. Con lui un amico e gollega, un 60enne di Busalla, che ha immediatamente chiesto aiuto: sono intervenuti i volontari del Soccorso alpino speleologico e i vigili del fuoco. I due uomini erano in un punto chiamato "cuccia del cane", una strettoia dove ci si riesce a muovere soltanto con una corda. 

L'apertura della grotta, che è profonda circa 160 metri, è a 860 metri sul livello del mare. Le operazioni di soccorso non sono state semplici, ma alla fine l'uomo è stato recuperato e poi trasportato all'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Speleologo genovese ferito in una grotta, salvato nella notte

GenovaToday è in caricamento