menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Uno fa da 'palo' e l'altro consegna le dosi di crack, due arresti a Sestri

I poliziotti intervenuti in via Ciro Menotti hanno riportato diverse contusioni, loro successivamente refertate all'ospedale Evangelico di Voltri. A finire in manette sono stati un 25enne e un 30enne, entrambi di origini senegalesi

Avevano scelto una delle principali vie di Sestri Ponente, via Ciro Menotti, per piazzare decine di dosi di crack: uno vendeva all'interno di un portone, l'altro faceva da 'palo'. Per questo la polizia di Stato ha arrestato due cittadini del Senegal di 25 e 30 anni per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e li ha denunciati per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Il comportamento dei due giovani non è passato inosservato ed è stato oggetto di paziente appostamento da parte dei poliziotti del commissariato Sestri Ponente. Pazienza premiata nel momento in cui, verso le 20.30 di qualche giorno fa, un ragazzo sudamericano è entrato nel portone, ha dato 20 euro al senegalese e questi ha ceduto un piccolo involucro di cellophane, il cui contenuto è stato consumato sul posto dal 'cliente'.

Sono stati fermati tutti e tre e i due senegalesi, per sottrarsi al controllo, hanno ingaggiato una colluttazione con gli operatori. Hanno tentato di fuggire, buttando una parte delle dosi in loro possesso in uno dei tombini fognari presenti lungo la strada, ma l'ausilio di un equipaggio della volante del commissariato ha fatto si che i due, a fatica, siano stati caricati in auto e portati in ufficio.

All'interno dei giubbotti indossati, in due taschine appositamente cucite, i due senegalesi nascondevano quasi 400 euro, la stragrande maggioranza in banconote da 20 euro, il 'prezzo di mercato' delle dosi vendute. I poliziotti intervenuti hanno riportato diverse contusioni, loro successivamente refertate all'ospedale Evangelico di Voltri.

I due avevano una fitta rubrica con i numeri dei 'consumatori', che venivano contattati a più riprese sino all'appuntamento finale. Sono stati arrestati e processati per direttissima per la resistenza e le lesioni, nonché denunciati per lo spaccio di sostanze stupefacenti: reati per i quali è stata disposta dall'autorità giudiziaria la misura della presentazione quotidiana con obbligo di firma presso il commissariato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento