Cronaca Sestri Ponente / Via Sestri

Mezzo milione di euro, rubati dal conto dello zio sacerdote

Insieme alla madre, sorella della vittima, hanno ideato una truffa ai danni del facoltoso anziano, arrivando a segregarlo in casa a Sestri Ponente. Per questo i tre sono stati denunciati per il reato di circonvenzione d'incapace

Gli agenti del commissariato Sestri Ponente sono riusciti a ricostruire i particolari di un raggiro, orchestrato da alcuni parenti ai danni di un anziano sacerdote.

La scorsa primavera lo hanno invitato a Genova per una breve vacanza, mostrandosi talmente affettuosi e premurosi che l'anziano e facoltoso parente siciliano del 1928, in pensione dopo una lunga carriera di sacerdozio, ha accettato di buon grado. Ad accoglierlo all'aeroporto di Genova i due nipoti, figli della sorella, di qualche anno più giovane.

Ancora prima di accompagnarlo nell'abitazione di Sestri Ponente, i parenti hanno portato l'anziano presso un istituto di credito, convincendolo ad aprire un conto corrente cointestato alla sorella, per depositare tutti i contanti che aveva con sè. Nell'occasione i due 'cari' nipoti si sono offerti di apporre la loro firma sul nuovo conto, così da facilitare le operazioni bancarie, persuadendo lo zio che sarebbe stato opportuno trasferire a Genova parte del denaro depositato nella sua banca siciliana.

Da quel giorno l'anziano è stato praticamente segregato in casa senza poter vedere né sentire persone estranee al nucleo famigliare genovese. L'isolamento dell'uomo ha però allarmato una cognata siciliana, che si è recata presso la questura di Palermo e ne ha denunciato la scomparsa.

I poliziotti del commissariato di Sestri Ponente, avvertiti dai colleghi siciliani, hanno avviato le ricerche, trovando l'anziano prorio nella casa della sorella. Nonostante la palese contrarietà dei parenti, l'uomo è stato prelevato e portato presso gli uffici di polizia dove ha raccontato quanto era successo nei mesi precedenti, manifestando la volontà di tornare a casa sua.

Gli agenti, sospettando un raggiro, hanno eseguito degli accertamenti bancari scoprendo che i parenti aguzzini, dal marzo 2016, avevano già prelevato dal conto dell'anziano 560mila euro. I due nipoti e la sorella, tutti incensurati e sconosciuti alle Forze di polizia, sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per il reato di circonvenzione d'incapace, mentre l'anziano sacerdote si sta preparando per ritornare nella sua amata Sicilia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mezzo milione di euro, rubati dal conto dello zio sacerdote

GenovaToday è in caricamento