menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina e lesioni aggravate, due arresti a Sestri Levante

Ieri sera due malviventi hanno aggredito un ragazzo con un coltello e un collo di bottiglia, dopodiché gli hanno rubato lo zaino

Ieri sera i carabinieri delle stazioni di Sestri Levante e Casarza Ligure hanno arrestato in flagranza di reato due uomini - un tunisino di 37 anni e un marocchino di 41 - in Italia senza fissa dimora e irregolari sul territorio nazionale.

I due sono accusati di lesioni aggravate e rapina ai danni di un ragazzo di 28 anni di origini marocchine.

Per scoprire cosa è successo bisogna tornare a ieri sera, alle 21 circa, quando i due malviventi (probabilmente per cause dovute a vecchi rancori) hanno litigato violentemente con il ragazzo sulla "spiaggia del leudo" di Sestri Levante. In pochi minuti la lite si è trasformata in aggressione: i due hanno colpito la vittima con un coltello e un collo di bottiglia, ferendola al collo e al braccio sinistro, e procurandole lividi vari.

Non solo: gli hanno anche strappato lo zaino che conteneva effetti personali e soprattutto il cellulare, dileguandosi poi nel buio verso il bagnasciuga.

Il ragazzo si è rivolto alla Croce Verde di Sestri Levante, poco distante, per chiedere aiuto. I carabinieri in serata sono riusciti a rintracciare i due aggressori e altri tre stranieri - probabilmente testimoni - mentre passeggiavano nel centro storico, e li hanno portati in caserma. Dopo gli accertamenti del caso, i militari hanno constatato che tutte e cinque le persone fermate erano irregolari sul territorio nazionale, e le hanno quindi denunciate per violazione delle norme sull'immigrazione. I due aggressori, in più, dopo essere stati riconosciuti direttamente dalla vittima, sono finiti in manette e sono stati portati nel carcere di Marassi.

La perquisizione sul luogo dell'aggressione ha permesso poi di trovare un coltello con la lama di 15 centimetri e un collo di bottiglia, gli oggetti utilizzati dai due malviventi, e lo zaino della vittima che nel frattempo era stato nascosto nel vano portaoggetti di una barca sulla spiaggia.

Il coltello e il collo di bottiglia sono stati sequestrati, mentre lo zaino è stato restituito al ragazzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento