Ricercato per violenza sessuale sulla figlia 13enne, lavorava come receptionist in Riviera

Per l'uomo, Patrick Thierry Anastasi, era stato emesso un mandato di cattura europeo dalle autorità francesi: per incastrarlo, i carabinieri si sono finti turisti

Si sono finti turisti e si sono presentati in borghese in un hotel di Sestri Levante, dove hanno individuato subito la persona che stavano cercando, un 54enne ricercato in tutta Europa per violenza sessuale ai danni della figlia, 13enne all'epoca dei fatti.

Patrick Thierry Anastasi è stato catturato dai carabinieri di Sestri Levante e da quelli di Gioia Tauro, in un'operazione che li ha visti fingersi turisti in un ancora caldo ottobre ligure. Anastasi, originario di Rizziconi, in Calabria, ma da anni residente in Francia, proprio dalla Francia era fuggito nel luglio del 2016 e da allora aveva fatto perdere le sue tracce, sino a quando non è rispuntato fuori in Liguria, a Sestri Levante, dove da gennaio 2019 aveva iniziato a lavorare come receptionis in uno dei tanti hotel della riviera.

A Bruay La Buissiere, dove abitava, Anastasi era detenuto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. E tra il 2014 e il 2016, stando a quanto denunciato dalla figlia, avrebbe abusato ripetutamente di lei, violenze e molestie che la ragazzina avrebbe subito da 13 ai 15 anni. L’Autorità Giudiziaria francese aveva quindi emesso a suo carico un provvedimento restrittivo della libertà personale che veniva internazionalizzato in ambito Schengen nel mese di settembre 2019, quando Anastasi era ormai già latitante da tempo.

Dopo mesi di ricerche, la notte tra venerdì e sabato i carabinieri, che hanno condotto l'indagine in collaborazione con la Divisione S.I.Re.N.E. del Servizio di Cooperazione internazionale di Polizia del Ministero dell’Interno, sono entrati in azione: coordinati dall'European Network of fugitive active search teams, sono entrati nell'albergo di Sestri Levante dove sapevano di poter trovare Anastasi e lo hanno subito visto al bancone, lo hanno fermato e poi arrestato.

Accompaganto in caserma per gli accertamenti, l’uomo è è stato trasferito nel carcere di Marassi e messo a disposizione della locale Corte d’Appello.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scooter contro auto della polizia, un morto

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse nei municipi Ponente e Medio Ponente, allagamenti nella notte e caos viabilità

  • Sampierdarena, dà in escandescenze per la strada e ferisce 3 poliziotti

  • Incidente al casello, un morto

  • Tragedia a Borzoli, neonata muore nella notte

  • A San Desiderio l'ultimo saluto a Luca

Torna su
GenovaToday è in caricamento