menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestato badante estorsore, si era fatto intestare 18 appartamenti

A finire in manette è stato un 52enne di Sestri Levante. Indagata la compagna. Il badante aveva convinto la vittima a rinunciare all'eredità della madre, deceduta prima dell'estate

La scorsa notte i militari della guardia di finanza della Tenenza di Riva Trigoso hanno arrestato a Sestri Levante un uomo di 52 anni, colpevole di continue forme di aggressione e violenza nei confronti della persona a cui doveva badare.

Le violenze a danno di un uomo colpito da particolare fragilità, ricostruite nell'indagine dei finanzieri coordinata dal pm Andrea Ranalli della Procura della Repubblica di Genova, miravano a ridurre l'uomo in uno stato di rilevante soggezione psichica, tale da condizionare le scelte anche più elementari e, in particolare, quelle economico-finanziarie.

Il badante si era ormai impossessato della gestione dell'intero e ingente patrimonio, tanto da farsi cointestare 18 immobili, per un valore di oltre un milione e mezzo di euro, a Sestri Levante attraverso la rinuncia all'eredità della madre del badato, deceduta prima dell'estate. Lo stesso si occupava anche della riscossione diretta dei canoni di locazione degli appartamenti affittati e si è appropriato in modo indebito di ingenti somme di denaro.

Una volta appreso dell'esistenza di approfondimenti investigativi da parte delle fiamme gialle, il badante ha avviato un'opera di condizionamento della persona di cui avrebbe dovuto curarsi, affinché fornisse ai finanzieri versioni concordate.

Stessa attività di inquinamento probatorio è stata posta in essere dalla compagna del 52enne, anch'essa indagata in quanto ha reso dichiarazioni già condivise.

Visti i numerosi e gravi elementi probatori raccolti in ordine alle violenze e all'attività estorsiva, attraverso indagini tecniche, videosorveglianza in casa e dichiarazioni testimoniali, il giudice per le indagini preliminari, Filippo Pisaturo, ha emesso - in data 14 ottobre 2019 - un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di estorsione aggravata, percosse e maltrattamenti in famiglia aggravati, che i finanzieri hanno immediatamente eseguito nella notte, anche per porre fine alle violenze e alle vessazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento