Da Cogoleto a Reggio Calabria in bici: Claudio Serrano e la sua volata per la laurea

Da Cogoleto a Reggio Calabria. Questa la singolare impresa di un giardiniere di 48 anni che ha deciso di coronare un sogno lungo nove anni attraversando l'Italia su due ruote. Partito questa mattina da Cogoleto, discuterà la tesi il 13 marzo

Come cantava qualcuno “It's a long way to the top!”. Questo sembra essere il credo di Claudio Serrano che per coronare il sogno di una vita, quella laurea inseguita per nove anni, ha deciso di intraprendere un viaggio degno del miglior Coppi. Milletrecentocinquanta chilometri, da Cogoleto, dove vive, fino a Reggio Calabria, sede dell'università dove discuterà la tesi. 

Claudio, 48 anni, due figli, giardiniere comunale con la passione per la bici, nove anni fa ha deciso di iscriversi alla facoltà di Agraria di Genova. L'indirizzo che desiderava, quello di Gestione del Territorio Agro Forestale, purtroppo non era presente presso l'ateneo ligure. La soluzione?  Optare per l'Università di Reggio Calabria, città dove vivono i suoi cugini, dai quali è stato ospitato durante le sessioni d'esame. 

Il momento cruciale, quello della tesi, è arrivato: la data sul calendario dice 13 marzo 2014. Anni prima, prossimo alla scelta di abbandonare l'università, Claudio fece un voto: se fosse riuscito a portare a termine il percorso di studi sarebbe andato a discutere la tesi a bordo della sua bici. Così è stato. Questa mattina è montato in sella e dal lungomare di Cogoleto è partito alla volta della città calabrese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nove anni trascorsi studiando nei ritagli di tempo, tra gli impegni familiari e quelli lavorativi, per poi affrontare dieci ore di treno e arrivare a Reggio per sostenere gli esami. L'ultima tappa lo vedrà attraversare lo Stivale, niente più rotaie ma due ruote, un bagaglio essenziale e un piccolo computer, con gps integrato, per condividere l'avventura attraverso i social network. Il 10 marzo, ad attenderlo, non ci sarà la maglia rosa ma l'ultimo incontro con il relatore per apportare le modifiche finali alla sua tesi sulla Stoppani. Poi sarà tempo di stappare lo spumante. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • La 'movida' violenta di Priaruggia, residente aggredito da ragazzini ubriachi

  • Incidente a Nervi, identificata la vittima; guidatore positivo ai test tossicologici

Torna su
GenovaToday è in caricamento