rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Cronaca

Fake news, all'Arcigay il rimborso vinto dalla Serafini contro ex candidata

La leghista Giuliana Livigni aveva diffuso una macroscopica bufala sull'ex assessora alla cultura. L'indennizzo della causa è stato destinato alla commemorazione della giornata della Memoria

«Parola data, è sacra». L'ex assessore Serafini ha mantenuto la promessa e destinato l'indennizzo della causa contro la leghista Livigni a un'associazione a tutela dei diritti Lgbt. 

La cifra andrà quindi a finanziare l'evento che Arcigay sta preparando per il Giorno della Memoria (27 gennaio 2019), per ricordare la deportazione degli omosessuali e la tragedia dei genocidi della storia.

Gli organizzatori Claudio Tosi e Domenico Lazzaro sottolineano anche l'importanza di questa decisione: «Il sostegno ad un evento costruito per la Memoria è il modo migliore per combattere i pregiudizi della società e prevenire future violenze».

Giuliana Livigni, candidata con la Lega alle comunali di Genova, aveva diffuso su un gruppo Google, e poi averlo ripetuto verbalmente davanti a diversi testimoni, la macroscopica bufala che Elisa Serafini iniettasse a dei bambini un siero per farli diventare gay.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fake news, all'Arcigay il rimborso vinto dalla Serafini contro ex candidata

GenovaToday è in caricamento