menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mazzette a funzionari Amiu, maxi sequestro di beni

Obiettivo dei sequestri sono stati i fratelli Gino e Vincenzo Mamone e il figlio di quest'ultimo Luigi, Stefano Raschellà e il figlio Daniele, oltre a Claudio Deiana, tutti noti imprenditori nel settore, già arrestati nel novembre 2014 per corruzione

Ieri i carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Genova hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro di beni ai fini della confisca, adottato dal tribunale di Genova nei confronti di società e persone fisiche coinvolte nella maxi inchiesta sulla gestione dei rifiuti, condotta dai militari del Noe e coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo ligure.

Il provvedimento conclude l'indagine avviata dal Nucleo Operativo Ecologico genovese nel 2012. I militari hanno individuato una serie di condotte criminali che, mediante varie attività corruttive nei confronti di dirigenti e funzionari della municipalizzata Amiu, hanno consentito agli indagati di realizzare consistenti profitti, alterando a loro favore gare d'appalto relative al servizio della raccolta rifiuti nel capoluogo ligure.

L'operazione, durata più di due anni e condotta attraverso complesse attività investigative anche tecniche oltre a innumerevoli servizi di osservazione e pedinamento, ha complessivamente portato finora a 14 arresti, circa 100 persone denunciate in stato di libertà e sequestri di beni già effettuati per oltre un milione di euro.

Obiettivo dei sequestri di ieri sono stati i fratelli Gino e Vincenzo Mamone e il figlio di quest'ultimo Luigi, Stefano Raschellà e il figlio Daniele, oltre a Claudio Deiana, tutti noti imprenditori nel settore, già arrestati nel novembre 2014, a seguito dell'accertamento di numerosi episodi corruttivi con il coinvolgimento dell'allora dirigente ufficio acquisti di Amiu, Corrado Grondona.

I patrimoni sequestrati consistono in quote societarie, beni mobili e immobili, conti correnti bancari, per un valore complessivo di circa due milioni di euro, ritenuto equivalente ai proventi illeciti realizzati proprio grazie all'attività corruttiva posta in essere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Droga ed esplosivi in casa, arrestato 19enne

  • Attualità

    Liguria in zona gialla: riaprono i musei e l'Acquario

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento