rotate-mobile
Cronaca

Senza le sigarette rischia la chiusura, il Tar salva la licenza al tabacchino gestito da un anziano

L'Agenzia dei Monopoli voleva revocare il permesso al bar-tabacchi genovese, ma l'uomo senza i prodotti da fumo avrebbe dovuto tirare giù la serranda e avrebbe rischiato anche di perdere l'appartamento

Senza la vendita delle sigarette, rischiava di perdere il bar con cui si guadagnava da vivere. 

Il Tar della Liguria ha ordinato all'Agenzia dei Monopoli di rinnovare la licenza ad un anziano tabaccaio di Genova che non riesce a sbarcare il lunario senza i guadagni derivati dai prodotti da fumo e che rischia di perdere l'appartamento dove vive con la moglie.

I giudici amministrativi hanno accolto la domanda cautelare dell'esercente contro lo stop alla concessione per la rivendita di tabacchi che gli era stata notificata dai Monopoli. 

"L'impossibilità di vendere i prodotti da fumo potrebbe pregiudicare seriamente gli incassi della società, gestita direttamente dall'anziano che, in coseguenza di ciò, rischierebbe di dover chiudere il "Bar Rino", già in equilibrio precario", si legge negli atti dell'ordinanza del Tar che fa anche notare come il volume del commercio di sigarette sia aumentato dopo la chiusura di un tabacchino vicino. Il bar dell'anziano può dunque continuare la sua attività e portare anche introiti nelle casse dello Stato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza le sigarette rischia la chiusura, il Tar salva la licenza al tabacchino gestito da un anziano

GenovaToday è in caricamento