Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Sampierdarena

Delitto Scagni, Alberto condannato a 24 anni e mezzo

A pronunciare la sentenza è stato il presidente della Corte di Assise di Genova Massimo Cusatti dopo circa due ore di camera di consiglio

Alberto Scagni è stato condannato a 24 anni e mezzo di reclusione. Il 43enne il primo maggio dell'anno scorso uccise con 24 coltellate la sorella 34enne Alice sotto casa di quest'ultima in via Fabrizi, a Quinto.

L'assassino rischiava l'ergastolo o uno sconto di pena nel caso venissero escluse le tre aggravanti associate all'accusa di omicidio volontario: la premeditazione, la crudeltà e l'uso di un mezzo insidioso, ovvero il coltello nascosto in un sacchetto. A pronunciare la sentenza è stato il presidente della Corte di Assise di Genova Massimo Cusatti dopo circa due ore di camera di consiglio non ha accolto la richiesta di rito abbreviato confermato la sussistenza dell’aggravante della premeditazione e ha riconosciuto ad Alberto il vizio parziale di mente. Il 43enne scontata la pena in carcere, dovrà trascorrere un periodo di almeno tre anni in una Rems (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza).

VIDEO | Delitto Scagni, i genitori: "Sentenza già scritta" 

Questa mattina davanti alla Corte d'Assise sono state presentate le repliche da parte dell'accusa e della parte civile (l'avvocato Andrea Vernazza che assiste il marito di Alice). La pm titolare del fascicolo Paola Crispo ha confermato la richiesta dell'ergastolo considerando Alberto completamente capace di intendere e volere, stessa posizione sostenuta da Vernazza che ha confermato la crudeltà e la premeditazione del femminicidio. La controreplica della difesa, esposta dall'avvocato Alberto Caselli Lapeschi, ha invece ribadito le cinque possibili richieste sulla base dell'infermità mentale parziale diagnosticata dal perito del gip Elvezio Pirfo.

Come anticipato ieri, Alberto Scagni è salito sul banco degli imputati (come ne aveva diritto) ma diversamente da quanto atteso non ha speso parole in sua difesa o sull'omicidio, bensì ha farneticato circa la presunta pedofilia di un suo conoscente. Atteggiamento che sembra confermare il suo disequilibrio psichico o la sua linea di condotta in questo processo, come emerge anche da una lettera inviata proprio ieri alla Corte presieduta dal giudice Massimo Cusatti, e da Scagni definita una memoria difensiva; anche in questo scritto parla dei suoi problemi con diverse persone da cui si sente perseguitato.

VIDEO | "Vizio parziale di mente": Alberto Scagni sorride alla sentenza 

Seppur fuori dal processo come parte civile, anche oggi erano presenti in aula Antonella Zarri e Graziano Scagni, i genitori di assassino e vittima, che a margine hanno commentato le ultime deposizioni: "Ci hanno accusato di aver cresciuto un assassino, la sentenza è stata scritta già il 4 maggio, quando siamo stati sentiti per la prima volta a pochi giorni dalla morte di Alice". La coppia rappresentata dall'avvocato Fabio Anselmo ha da sempre sostenuto che Alberto non sia capace di intendere e volere: "È fuori di testa, uno che si siede lì e deve fare qualche dichiarazione e comincia con quei discorsi sui pedofili che ha sempre detto, è fuori dal piano della realtà. Solo che c'è qualcuno che non lo vuole sentire. È tutta una ipocrisia concordata per evitare un grosso lavoro sulle responsabilità, sulle quali noi abbiamo fatto opposizione". La loro battaglia giudiziaria, infatti, prosegue in un altro procedimento, già archiviato dalla procura, sui presunti allarmi inascoltati, che vede indagati due poliziotti e una dottoressa del centro di salute mentale a cui i coniugi Scagni si erano rivolti nella speranza di ricevere un aiuto per il figlio che aveva minacciato la famiglia. 

"Siamo stati accusati di aver cresciuto un assassino e quindi siamo gli assassini di nostra figlia e non abbiamo il diritto di vedere il figlio di nostra figlia", ha detto poi Graziano Scagni. "In questo momento dobbiamo agire in modo giuridico per poterlo frequentare in modo naturale", aggiunge Antonella Zarri che indossa l'orecchino di Alice tifosa della Samp: "È qua con me, i figli non muoiono tornano nella pancia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto Scagni, Alberto condannato a 24 anni e mezzo
GenovaToday è in caricamento