Cadavere murato nella villa di lusso, è di un uomo scomparso da Genova

Secondo i carabinieri lo scheletro scoperto a Senago nel milanese apparterrebbe ad Astrit Lamaj, di cui si erano perse le tracce nel 2013 quando risiedeva a Genova

I carabinieri di Milano sono quasi certi che lo scheletro, trovato murato in una villa di lusso a Senago nel milanese lo scorso 15 gennaio, appartenga ad Astrit Lamaj, cittadino albanese classe 1971, già domiciliato a Genova e noto alle forze dell'ordine per reati in materia di stupefacenti, di cui era stata denunciata la scomparsa nel gennaio 2013.

Indubbia la morte violenta. Gli inquirenti stanno scandagliando varie piste per risalire alle cause del decesso e identificare l'autore dell'omicidio. Il decesso risalirebbe almeno a cinque anni fa. Il corpo, ormai ridotto a uno scheletro, era stato trovato durante alcuni lavori di ristrutturazione nella splendida struttura del Settecento, che sette anni fa - gli ultimi interventi furono allora - era stata trasformata, almeno in parte, in un residence con case di pregio.

I militari, grazie a un medico legale, avevano subito accertato che quelle ossa erano di un uomo tra i trentacinque e i quarantacinque anni. Proseguono le indagini per capire come sia morto Lamaj.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

  • Addio a Giovanni Filocamo, è morto il "matematico curioso"

  • Le "meraviglie" di Alberto Angela, cosa si è visto

  • Costa Crociere assume, 700 posizioni aperte

  • Travolto da un treno sulla Milano-Pavia, muore 26enne

  • Morta per droga a 16 anni, confermata in Cassazione la condanna per il fidanzato

Torna su
GenovaToday è in caricamento