menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Begato: sorpresi in strada a smontare scooter rubato

Una pattuglia della polizia ha notato due persone intente a smontare uno scooter in via Brocchi nel quartiere di Begato. Accortisi dell'arrivo dei poliziotti i due sono immediatamente fuggiti. Uno è stato arrestato, l'altro denunciato

Nel corso dell'attività di pattugliamento per la prevenzione e repressione dei reati, una volante dell'ufficio prevenzione generale si è recata nel quartiere di Begato, dove frequentemente si rinvengono veicoli provento di furto.

Transitando in via Brocchi gli agenti hanno notato due persone impegnate nello smontaggio di due motocicli che, accortisi dell’arrivo dei poliziotti, sono immediatamente fuggite.

Uno ha scavalcato un parapetto ed è riuscito a far perdere le proprie tracce nel fitto della vegetazione di un dirupo, l’altro, un 26enne genovese, è fuggito in un boschetto, dove è stato raggiunto e bloccato dagli agenti.

Dei due scooter, entrambi marca Kymko, uno era stato rubato a Sestri Ponente mentre il secondo non è risultato rubato ed era intestato ad un 28enne genovese, residente a Begato.

Gli operatori hanno inoltre rinvenuto un telefono cellulare di proprietà dello stesso 28enne. Quest’ultimo è poi risultato essere il secondo individuo che era riuscito a fuggire e che non è stato rintracciato presso la propria abitazione.

Gli agenti hanno provveduto al sequestro di entrambe i mezzi, di due caschi e di una borsa con numerosi attrezzi da meccanico. Il 26enne fermato è stato arrestato per il reato di furto aggravato in concorso.

Nel corso del pomeriggio, a seguito degli accertamenti al terminale, è risultata una denuncia di furto del ciclomotore e del cellulare di proprietà del 28enne fuggito, presentata dalla sorella di quest’ultimo alle ore 16.46.

I poliziotti hanno raggiunto l’abitazione della ragazza, una 27enne e, essendo evidente il tentativo di sviare le indagini dalle responsabilità del fratello, collocando il furto in un orario antecedente al primo intervento della polizia, l’hanno denunciata per i reati di favoreggiamento personale e simulazione di reato.

In quella circostanza gli operatori hanno notato dall’interno dell’abitazione il 28enne che, accortosi dell’auto di servizio sotto casa, si allontanava a piedi zoppicando vistosamente per poi salire a bordo di uno scooter.

In serata il ragazzo si è finalmente presentato spontaneamente in Questura ed è stato denunciato per i reati di furto aggravato, in concorso con l’arrestato, nonché favoreggiamento personale e simulazione di reato, in concorso con la sorella.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento