rotate-mobile
Cronaca

Scolmatore Bisagno, riapre il cantiere dopo la sospensione dell'interdittiva antimafia

Il Tar della Campania, sezione di Salerno, ha infatti momentaneamente sospeso l'interdittiva antimafia notificata al consorzio ReseArch

Riapre il cantiere dello scolmatore del Bisagno, a Genova. Il Tar della Campania, sezione di Salerno, ha infatti momentaneamente sospeso l'interdittiva antimafia notificata al consorzio ReseArch, che aveva bloccato i lavori di costruzione dello scolmatore del torrente del Bisagno, un tunnel lungo quasi 7 chilometri per deviare la piena del corso d'acqua più pericoloso di Genova durante le alluvioni: il Tar ha "stabilito la riapertura entro venerdì del cantiere per i lavori relativi alla realizzazione dello scolmatore del torrente Bisagno".

Dunque riapre il cantiere in attesa della decisione collegiale del Tar Campania che si pronuncerà l'8 giugno 2022.

È stato contestualmente chiesto al raggruppamento temporaneo di impresa un cronoprogramma dei lavori. 

La struttura commissariale per il contrasto al dissesto idrogeologico della Liguria guidata dal presidente della Regione Giovanni Toti fa sapere in una nota che "sta esaminando tutte le possibili evoluzioni della situazione e sta lavorando per una celere ripresa dei lavori in attesa che si concluda, verosimilmente nelle prossime settimane, il complesso iter giudiziario che vede coinvolto il consorzio ReseArch appaltatore dell'opera".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scolmatore Bisagno, riapre il cantiere dopo la sospensione dell'interdittiva antimafia

GenovaToday è in caricamento