Aggiudicata la gara per lo scolmatore del Bisagno: cantiere del secondo lotto al via ad aprile

La gara è stata vinta da un raggruppamento temporaneo di imprese capitanato dal Consorzio stabile ReseArch che eseguirà i lavori insieme a Manelli Srl e Amec Srl per un importo di 160 milioni di euro

È stata aggiudicata la gara per la realizzazione dello scolmatore del Bisagno che porterà agli obiettivi di messa in sicurezza della città di Genova. I lavori sono stati aggiudicati ieri, martedì 17 marzo, dopo la conclusione della gara avvenuta a dicembre e tutte le verifiche fatte in proposito e finalizzate all’avvio dell’opera.

La gara è stata vinta da un raggruppamento temporaneo di imprese capitanato dal Consorzio stabile ReseArch che eseguirà i lavori insieme a Manelli Srl e Amec Srl per un importo di 160 milioni di euro. 

I lavori che dureranno circa 4 anni riguardano il secondo lotto del programma di interventi per la difesa dalle piene del torrente Bisagno e dei suoi affluenti, Fereggiano, Noce e Rovare e prevedono la realizzazione di opere di sbarramento, presa e sistemazione idraulica dell’alveo del Bisagno e lavori di scavo della galleria scolmatrice per una lunghezza di circa 6,5 km. Successivamente sarà completato lo sbocco a mare della galleria presso la spiaggia di San Giuliano creando il raccordo con la galleria scolmatrice del torrente Fereggiano, oggetto del primo lotto dei lavori. L'avvio dei cantieri è previsto entro il mese di aprile.

«Quest’opera si va ad aggiungere alla realizzazione dello scolmatore del torrente Fereggiano, già concluso da un anno, all’adeguamento della copertura del Bisagno che vede il terzo lotto in fase conclusiva entro la fine del 2020 e ad altri interventi minori riguardanti i rii Noce e Rovare» commenta l'assessore regionale alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone.

«Apprendiamo con soddisfazione che è stata finalmente aggiudicata la gara per lo Scolmatore del Bisagno: un'importante opera che, dopo lo Scolmatore del Fereggiano e la copertura del Bisagno – insieme a un'altra serie di interventi – metterà definitivamente in sicurezza idrogeologica la città di Genova. Tutti questi lavori sono stati realizzati grazie al maxi finanziamento da circa 400 milioni di euro stanziato, nel 2014, dalla Struttura di Missione Italia Sicura, ideata dal Governo di allora a guida Pd» è il commento del capogruppo Dem in Regione Liguria Giovanni Lunardon.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in sopraelevata, muore una ragazza di 28 anni

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Schianto in Sopraelevata, choc per la morte di Ginevra: «Ciao angelo»

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Elezioni, prende forma il nuovo consiglio regionale: i nomi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento