menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allerta rossa, scatta lo sciopero nei porti

I portuali chiedono un'unità di crisi per monitorare l'evolvere della situazione durante il maltempo

Varchi portuali chiusi. In seguito all'emanazione dell'allerta rossa su Centro e Ponente, i portuali genovesi hanno proclamato lo sciopero e non lavoreranno sui moli per l'intera giornata di domani, sabato 23 novembre. 

La protesta, la seconda nel giro di due settimane, vuole denunciare l'inadeguatezza delle misure di sicurezza in caso di eventi climatici straordinari.

Manca, sottolineano i sindacati dei portuali, un coordinamento che decida come regolare il lavoro in porto durante le allerte rosse.

«Pur essendo state approvate le linee di indirizzo in materia di allerta meteo in ambito portuale dal Comitato igiene e sicurezza del porto - fanno sapere in una nota congiunta le firme Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti genovesi - rimangono ancora da affrontare le problematiche relative allo spostamento dei lavoratori nel percorso casa lavoro (o viceversa) così come la richiesta di costituire una "cellula istituzionale" del porto che possa prendere decisioni durante le allerta per la salvaguardia della sicurezza dei lavoratori».

Ed è proprio su questo che i portuali chiedono un'assemblea. «Nessun terminalista farebbe mai lavorare in situazione di pericolo - dice il presidente dell'Autorità portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini - abbiamo condiviso con i sindacati gran parte della procedura in caso di allerta rossa, ma chiedono un ulteriore passaggio: un'unità di crisi, una cabina per monitorare la situazione in itinere dell'allerta rossa. Ci stiamo confrontando con gli operatori». 

Sul sito, l'Autorità ha pubblicato le misure applicabili in caso di allerta ma intanto lo sciopero scatterà a Genova due ore prima dell'allerta  e si concluderà un'ora dopo la fine, per garantire anche lo spostamento da o per casa dei lavoratori.

Con questa pioggia incessante, inoltre, le condizioni di lavoro degli ultimi giorni hanno messo a dura prova i lavoratori costretti a prendere o lasciare il carico in terminal allagati dove si sono accumulati oltre trenta centimetri d'acqua.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento