menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero trasporti: adesioni vicine al 100%, lavoratori in Regione

Adesione vicina al 100% per lo sciopero del trasporto pubblico di oggi, i lavoratori hanno partecipato al Consiglio Regionale, l'assessore Vesco: "Mettiamo in atto tutti insieme una mobilitazione"

Altissima adesione allo sciopero da parte dei lavoratori del trasporto pubblico a Genova. Lo ha reso noto la Filt-Cgil precisando che ''stamani sono stati visti in circolazione in tutta la citta' soltanto tre autobus'', pari quindi a quasi il cento per cento dei lavoratori

L'appuntamento per la mifestazione di stamattina era alle 10,30 in piazza Dante, poi i lavoratori hanno partecipato al Consiglio regionale chiedendo di poter parlare. Il presidente Rosario Monteleone ha sospeso la seduta affinché i rappresentanti del Consiglio potessero incontrare sindacati e lavoratori del trasporto pubblico regionale.

"La manovra non consente a nessuna delle sette aziende di trasporto pubblico di sopravvivere dopo il 2012 – hanno detto i  sindacalisti – Sono stati tagliati milioni di chilometri di percorrenza dando un peggiore servizio ai cittadini. Altissimo è stato il prezzo pagato dai lavoratori: 400 unità in meno per ridurre i costi, assorbiti grazie agli ammortizzatori sociali. Chiediamo che tutte le forze politiche facciano pressione anche in Conferenza Stato-Regioni per ripristinare le risorse stabilite. Inoltre sollecitiamo l’avvio della discussione di una legge per unificare le aziende di trasporto pubblico locale sul territorio"

I sindacalisti hanno ipotizzato nuove manifestazioni in occasione del Salone Nautico. 

L’assessore regionale ai trasporti Enrico Vesco ha affermato: "Sono molto preoccupato per la situazione. Si tratta di una partita complicata. C’è uno scontro epocale in atto in questo paese sul valore e la centralità del trasporto pubblico, che se si prosegue così viene scardinato definitivamente. Abbiamo lo spettro del 2012: anziché due miliardi e 200 milioni di euro si sta parlando di 400 milioni. Così non ci sarebbe la possibilità di garantire il funzionamento dei mezzi pubblici."

"Come Regione - continua l'assessore Vesco - abbiamo messo in atto tutta una serie di azioni. In Consiglio, dopo una lunga trattativa, c’è stata una condivisione unanime. In un’infuocata riunione di Giunta si è accettato che risorse aggiuntive andassero al trasporto. Abbiamo dato un contributo notevole per ridurre l’impatto della manovra nazionale. A bilancio ci sono 25 milioni e altri cinque devono essere recuperati. L’anno scorso fummo ricevuti da Matteoli, ma non abbiamo sortito nulla. Matteoli è venuto in Conferenza delle Regioni, ci ha risposto che riconosce centralità al trasporto pubblico, ma che non è l’interlocutore e che bisogna parlare con Tremonti."

"I 50 milioni su cui abbiamo discusso non sono ancora disponibili. La Conferenza delle Regioni il 31 marzo ha votato di dare i soldi, ma da sei mesi di quei 50 milioni non si sa più nulla. Bisogna mettere in atto una mobilitazione che ci deve vedere tutti compatti", ha concluso Enrico Vesco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento