rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Amt fra sciopero venerdì 17 febbraio 2012 e possibile fusione

Dalle 17.30 alle 20.30 tornano a circolare i bus per la seconda fascia garantita. Nel frattempo Repetto convoca in Provincia un tavolo tecnico per valutare costi e benefici di una eventuale fusione con Atp. Entro il 15 marzo il responso

Lo sciopero degli autobus di oggi, venerdì 17 aprile, a Genova sta creando diversi disagi. Le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal e UGL Trasporti lamentano le solite problematiche del settore, ovvero fondi insufficienti.

Ricordiamo le modalità dello sciopero. Info al Servizio Clienti (numero ad addebito ripartito) 848 000030.

Modalità:
Amt Genova
· il personale viaggiante si asterrà dal lavoro per l'intera giornata, il servizio sarà garantito nelle due fasce: dalle 6.00 alle 9.00 e dalle 17.30 alle 20.30;
· il restante personale si asterrà dal lavoro a partire dalle ore 9.30 fino a fine turno.

Ferrovia Genova - Casella
· il personale viaggiante si asterrà dal lavoro per l'intera giornata, il servizio sarà garantito nelle due fasce: dalle 6.30 alle 9.30 e dalle 17.30 alle 20.30;
· il restante personale si asterrà dal lavoro a partire dalle ore 9.30 fino a fine turno.

Contemporaneamente, il presidente della Provincia di Genova Alessandro Repetto ha convocato un tavolo tecnico per elaborare la proposta dell’azienda unica del trasporto locale in ambito provinciale. Appuntamento martedì 21 febbraio alle 17 in Provincia con Regione, Comune di Genova, Amt, Atp e organizzazioni sindacali «al fine di elaborare un piano industriale che consenta di approfondire e valutare le convenienze, i tempi e le metodologie – dice Alessandro Repetto - per l’obiettivo dell’azienda unica a livello provinciale, così come indicato anche dal decreto sulle liberalizzazioni del Governo Monti, che suggerisce appunto aziende e raggruppamenti su scala provinciale del territorio».


Il tavolo «entro il termine ultimo del 15 marzo – dice il presidente della Provincia - dovrà elaborare i contenuti da sottoporre agli organi deliberanti degli enti rispetto all’ipotesi di una convergenza delle due aziende, sino a oggi rimasta circoscritta a espressioni di sentimenti e intenzioni senza il supporto di un reale piano industriale e un organico percorso di fattibilità che sgombrino il campo anche da balletti e rimpalli di cifre e dati di cui senza un piano concreto è molto difficile verificare l’effettiva consistenza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amt fra sciopero venerdì 17 febbraio 2012 e possibile fusione

GenovaToday è in caricamento