rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Sicurezza sui bus, proclamato nuovo sciopero. Emblematico il caso della linea 71

La protesta, della durata di 24 ore, è indetta per sabato 8 ottobre. "Il nostro scopo non è fare sciopero ma risolvere un problema ormai radicato", spiega Roberto Piccardo, dirigente sindacale Ugl Fna

Un nuovo sciopero per chiedere maggiore sicurezza sugli autobus. Lo ha procalmato il sindacato Ugl Fna. "Continua la nostra protesta - dichiara Roberto Piccardo -. Siamo molto soddisfatti per le adesioni dello sciopero del 27 luglio, ci dispiace per la cittadinanza ma non si può andare avanti così, spero si rendano conto che richiediamo la sicurezza anche a loro beneficio. Non accettiamo che i colleghi e gli utenti non siano sicuri sui bus".

"Un piccolo risultato è stato da noi ottenuto visto che i carabinieri hanno messo in campo 10 squadre di agenti che gireranno nelle ore serali e notturne controllando a bordo, 'operazione canguro'. I risultati - ricorda il dirigente sindacale - non si sono fatti attendere e questo fine settimana sono state arrestate diverse persone e molti altri denunciati, proprio a conferma di quanto dichiarato da noi da tempo. Non c'è nessun rispetto delle regole".

"Sicurezza è anche garantire che i mezzi circolanti abbiano i climatizzatori funzionanti - prosegue Piccardo -, diversamente si possono verificare malori ai dipendenti o agli utenti. La circolare Inps che regolamenta i limiti in materia di gradi centigradi tollerabili sul lavoro è chiara e la motorizzazione omologa i mezzi con i clima proprio per la ridotta superficie finestrabile dei nuovi mezzi".

"Sicurezza è avere dei tempi di percorrenza adeguati e molto altro che discuteremo a quel tavolo dove speriamo di essere convocati al più presto. Noi non ci fermeremo - promette il sindacalista -, abbiamo proclamato un altro sciopero di 24 ore il giorno 8 ottobre (le modalità verranno comunicate in seguito) con l'appoggio della segreteria nazionale. Siamo a disposizione per eventuali convocazioni, il nostro scopo non è fare sciopero ma risolvere un problema ormai radicato".

Un chiaro esempio di quanto ci sia ancora da fare sul fronte della sicurezza a bordo è rappresentato, come tutte le estati, dalla linea 71 di San Carlo di Cese. "Salgono a Pegli con casse di birre, barbecue e riempiono il bus - spiega Piccardo -. Il ritorno è il massimo quando salgono ubriachi, gridando, tirando bottiglie e parandosi davanti al bus per salire dove vogliono. Poi fumano anche a bordo. Tutti i giorni è così, poi si picchiano tra loro e le persone perbene rimangono a terra per non avere grane".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sui bus, proclamato nuovo sciopero. Emblematico il caso della linea 71

GenovaToday è in caricamento