rotate-mobile
Cronaca Sampierdarena / Via Carlo Orgiero

Donna trovata morta in casa, scarcerato il marito

Adrian Driac dovrà rimanere a casa di notte con obbligo di firma e sarà giudicato a settembre per i precedenti di maltrattamenti ai danni della moglie Cristina deceduta per un'emorragia interna in seguito alla cirrosi epatica

Scarcerazione e obbligo di firma per Adrian Diac il marito di Cristina trovata morta nell'alloggio condiviso con l'uomo e un'altra donna rumena. 

Per consentire l'avanzare delle indagini, l'operaio che lavora per una società in appalto a Fincantieri, era stato indagato per l'omicidio della 49enne. Un'accusa che si avvicina a una possibile archiviazione, dopo che l'autopsia ha stabilito che le cause della morte sono da ricercare in un'emorragia interna gravissima, provocata da un quadro clinico complicato da una patologia epatica.

Cristina Diac era stata trovata deceduto nel tinello di casa con lividi sul corpo e sangue attorno.La chiamata ai soccorsi è arrivata dalla coinquilina e proprietaria dell'immobile che aveva riferito i sintomi che la vittima aveva accusato negli ultimi giorno, come l'addome molto gonfio riconducibile per i sanitari a una cirrosi epatica in stato avanzato. Il marito, però, era già stato rinviato a giudizio nei confronti di Cristina nel 2019 per maltrattamenti e ora l'udienza per quella vicenda è stata fissata a settembre. 

Considerati i segni sul corpo della compagna, una delle ipotesi degli investigatori della squadra mobile, coordinati dal sostituto procuratore Gabriella Marino e diretti da Stefano Signoretti, è stata quella di un omicidio. Il medico legale però ha dato una svolta alle indagini: si è trattato di morte naturale. Certo le percosse rimangono, motivo per cui il marito dovrà rimanere a casa di notte, presentarsi a firmare e sarà giudicato a settembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna trovata morta in casa, scarcerato il marito

GenovaToday è in caricamento