menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Martino, inaugurato il nuovo polo emato oncologico

L’intervento appena concluso ha interessato una superficie di circa 800 mq per le degenze, in grado di ospitare fino a 30 pazienti in 17 camere, 4 singole e 13 doppie, e 400 mq per gli studi medici

Giovedì 14 dicembre è stato inaugurato a Genova il nuovo polo emato oncologico dell’ospedale policlinico San Martino. Un investimento di oltre un milione euro - di cui 795.303 euro da parte di Regione Liguria e Ospedale Policlinico San Martino e 536.000 euro da Ail Genova  - ha permesso di completare il reparto degenze dell’Unità Operativa di Ematologia, al piano zero del padiglione Patologie Complesse e gli ambulatori di visita al padiglione Isolamento 1, da oggi pronti a diventare operativi.  L’intervento appena concluso ha interessato una superficie di circa 800 mq per le degenze, in grado di ospitare fino a 30 pazienti in 17 camere, 4 singole e 13 doppie, e 400 mq per gli studi medici. 

I prossimi lavori in cantiere

Ulteriori lavori e finanziamenti successivi saranno invece dedicati alla realizzazione del Day-Hospital al primo piano del padiglione Isolamento 1. L’investimento complessivo del Polo Emato Oncologico ammonta infatti a 4.701.476 euro, di cui 3.976.923 euro stanziati dalla Regione Liguria e 724.553 euro dall’Ospedale Policlinico San Martino. Una cifra importante utile a intervenire su spazi ampi e centrali nell’economia del Policlinico: patologie complesse, padiglione Isolamento 1°, padiglione Isolamento 2° e padiglione IST sud. Alcuni lavori sono ancora in corso e salvo imprevisti, saranno completati entro la prossima primavera. 

Il taglio del nastro

All’evento inaugurale sono intervenuti Sonia Viale, vicepresidente e assessore alla sanità e alle politiche sociali della Regione Liguria; Marco Bucci, sindaco di Genova; Giovanni Ucci, direttore generale dell’ospedale policlinico San Martino; Emanuele Angelucci, direttore dell’unità operativa Ematologia; Marco Gobbi, direttore dell’unità Operativa Clinica Ematologica; Liliana Freddi, presidente Ail Genova. A tagliare il nastro, la signora Gigliola Rosmini (90 anni) la più longeva volontaria e sostenitrice dell’Ail.

L'assessore Viale: «Esempio di valorizzazione dell'eccellenza ligure»

«Questo reparto - afferma la vicepresidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Sonia Viale - è un bell’esempio di valorizzazione dell’eccellenza ligure costituita dal polo Emato Oncologico nell’hub regionale dell’ospedale San Martino e di sinergia con il mondo dell’associazionismo, sempre più centrale in quello che è il nuovo corso della sanità ligure che mette al centro la persona. In questo reparto grande attenzione è stata posta per l’umanizzazione dei luoghi che devono anche rispettare la persona nell’accoglienza. Qui abbiamo eccellenze nazionali: i cittadini devono sapere che le cure migliori si trovano qui a Genova e in tutta la Liguria».

Il commento del direttore generale Ucci

«Il trasferimento delle degenze e delle attività ambulatoriali dei nostri due reparti di Ematologia in questi spazi rinnovati un tempo dedicati alla cura dell’AIDS – sottolinea invece il direttore generale dell’ospedale policlinico San Martino Giovanni Ucci - rappresenta un altro tassello nella realizzazione del San Martino Cancer Center, un’area che riunisca anche fisicamente tutte le principali competenze e attività cliniche di oncologia ed oncoematologia del Policlinico. La sinergia con Ail rappresenta un bell’esempio di sussidiarietà tra sistema sanitario pubblico e iniziativa del volontariato, non solo per il contributo di risorse ma anche di idee ed energie che hanno contribuito a realizzare in tempi brevi un’opera di pregio per il servizio ai pazienti e alla comunità».

Il supporto di Ail Genova

«Grazie alle importanti donazioni dei nostri sostenitori e al lavoro dei nostri 300 volontari, siamo riusciti a sostenere l’acquisto di tutti gli arredi del reparto degenza e degli ambulatori, secondo un progetto che mette al centro il benessere dei pazienti – ha commentato infie Liliana Freddi, presidente Ail Genova. – C’è però ancora tanto da fare e per questo è fondamentale l’attività di sensibilizzazione. AIL non può lavorare da sola. Abbiamo bisogno del supporto di tutti per poter sostenere al meglio l’unità di Ematologia e il Centro Trapianti dell’ospedale San Martino, da sempre all’avanguardia a livello nazionale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Liguria entra in zona arancione: cosa cambia

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Maltempo, scatta l'allerta per temporali: le previsioni

  • Cronaca

    Noto anarchico pluripregiudicato arrestato dalla Digos

  • Coronavirus

    Seconde case, il governo chiarisce: si può andare oppure no?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento