Spaccio, risse e degrado, il centro storico assediato: «Disastro post-lockdown»

Alberto Schiavetti vive in via San Luca da anni, ed è solo uno dei moltissimi residenti esasperati per la situazione in cui versano i vicoli: «Non si riesce a dormire o a uscire tranquilli»

La calma prima della tempesta. È quella che i residenti del centro storico hanno sperimentato per qualche settimana, nel periodo di lockdown da coronavirus, prima di ritrovarsi letteralmente assediati da spaccio ed episodi di violenza nelle loro case e nelle loro attività commerciali. 

Le notti sono il momento peggiore, quello in cui gli stretti vicoli della città vecchia si popolano di spacciatori e clienti, e in cui la vera scommessa è riuscire a chiudere occhio per qualche ora di fila: «A fine aprile, quando le temperature si sono alzate, qui è diventata anarchia totale - racconta Alberto Schiavetti, 29 anni, residenti in via San Luca - ogni giorno della settimana indistintamente, vai a dormire e non sai se dormirai sino all’ora della sveglia o ti ritroverai alle 3 di notte con gli occhi sbarrati. A quel punto o chiami la polizia, sperando in un loro intervento, o speri».

Alberto è solo uno dei tantissimi residenti di una macro zona che comprende via San Luca, la Maddalena e Pré, dove il problema non è tanto la movida “fracassona”, quanto lo spaccio e il degrado: le liti tra pusher e clienti, o tra pusher stessi, sono all’ordine del giorno, e nel cuore della notte la colonna sonora sono urla, bottiglie rotte, colpi sulle serrande che il giorno dopo, magari, i titolari non riescono a sollevare perché danneggiate. E in un’estate in cui i turisti sono nettamente diminuiti, complice l’emergenza sanitaria legata al coronavirus, non ne risente soltanto la vivibilità, ma anche il tessuto economico di una zona che da anni chiede maggiore attenzione e per cui, sempre da anni, si parla di riqualificazione.

VIDEO | Via San Luca in balìa di spaccio e degrado: «È diventata terra di nessuno»

«Ho assistito a litigate, urla, bottiglie spaccate, ho visto il classico spaccio, ho visto i tanti interventi della polizia - spiega ancora Alberto - Il problema è che gli spacciatori si allontanano nei vicoletti interni. L’arrivo della polizia li allontana, ma solo per qualche tempo. E poi ricomincia tutto da capo».

Il lockdown è stato uno spartiacque: se prima il degrado e lo spaccio, pur cosa nota, venivano quantomeno relegati all’orario notturno e nei vicoli più nascosti, dopo il temporaneo stop da quarantena legato alla necessità di non uscire per non veicolare il contagio (niente clienti, e dunque niente spacciatori) tutto è ricominciato in maniera totalmente incontrollata.

«Qui dalla mezzanotte in poi è il delirio, è terra di nessuno - conferma Alberto - Io invito amici a casa, magari escono all’una di notte, di sabato, dopo una cena tranquilla, e loro si sentono a disagio. Lo capisco: non sono pratici dei vicoli di base, e la scena che si presenta metterebbe a disagio chiunque».

Alcuni residenti di via San Luca hanno deciso di passare alle vie legali: «Il mio palazzo e altri due hanno unito le forze - spiega Schiavetti - Stiamo raccogliendo materiale e testimonianze per presentare un esposto-denuncia, nella speranza che ci prestino maggiore attenzione». 

A oggi l’area di via San Luca, insieme con quella della Maddalena e di Pré, è nel mirino di Comune e forze dell’ordine, che in un piano condiviso, qualche settimana fa, hanno suddiviso il centro storico in tre zone, una in più rispetto al piano precedente, per un presidio alternato a rotazione a opera di polizia di Stato, carabinieri e polizia Locale. Per i residenti, però, la situazione sembra essere arrivata a un punto di non ritorno: «Non chiediamo molto, almeno un presidio fisso in piazza Banchi, come durante il lockdown, nelle ore notturne - conclude Alberto - Un presidio fisso aiuterebbe a tenere sotto controllo spaccio e degrado, e almeno a farci dormire la notte».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Covid-19, Bassetti: «Con questo virus conviveremo per i prossimi anni»

  • Coronavirus: aumento di casi nel centro storico di Genova, ma nessun cluster

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento