Spaccio, risse e degrado, il centro storico assediato: «Disastro post-lockdown»

Alberto Schiavetti vive in via San Luca da anni, ed è solo uno dei moltissimi residenti esasperati per la situazione in cui versano i vicoli: «Non si riesce a dormire o a uscire tranquilli»

La calma prima della tempesta. È quella che i residenti del centro storico hanno sperimentato per qualche settimana, nel periodo di lockdown da coronavirus, prima di ritrovarsi letteralmente assediati da spaccio ed episodi di violenza nelle loro case e nelle loro attività commerciali. 

Le notti sono il momento peggiore, quello in cui gli stretti vicoli della città vecchia si popolano di spacciatori e clienti, e in cui la vera scommessa è riuscire a chiudere occhio per qualche ora di fila: «A fine aprile, quando le temperature si sono alzate, qui è diventata anarchia totale - racconta Alberto Schiavetti, 29 anni, residenti in via San Luca - ogni giorno della settimana indistintamente, vai a dormire e non sai se dormirai sino all’ora della sveglia o ti ritroverai alle 3 di notte con gli occhi sbarrati. A quel punto o chiami la polizia, sperando in un loro intervento, o speri».

Alberto è solo uno dei tantissimi residenti di una macro zona che comprende via San Luca, la Maddalena e Pré, dove il problema non è tanto la movida “fracassona”, quanto lo spaccio e il degrado: le liti tra pusher e clienti, o tra pusher stessi, sono all’ordine del giorno, e nel cuore della notte la colonna sonora sono urla, bottiglie rotte, colpi sulle serrande che il giorno dopo, magari, i titolari non riescono a sollevare perché danneggiate. E in un’estate in cui i turisti sono nettamente diminuiti, complice l’emergenza sanitaria legata al coronavirus, non ne risente soltanto la vivibilità, ma anche il tessuto economico di una zona che da anni chiede maggiore attenzione e per cui, sempre da anni, si parla di riqualificazione.

VIDEO | Via San Luca in balìa di spaccio e degrado: «È diventata terra di nessuno»

«Ho assistito a litigate, urla, bottiglie spaccate, ho visto il classico spaccio, ho visto i tanti interventi della polizia - spiega ancora Alberto - Il problema è che gli spacciatori si allontanano nei vicoletti interni. L’arrivo della polizia li allontana, ma solo per qualche tempo. E poi ricomincia tutto da capo».

Il lockdown è stato uno spartiacque: se prima il degrado e lo spaccio, pur cosa nota, venivano quantomeno relegati all’orario notturno e nei vicoli più nascosti, dopo il temporaneo stop da quarantena legato alla necessità di non uscire per non veicolare il contagio (niente clienti, e dunque niente spacciatori) tutto è ricominciato in maniera totalmente incontrollata.

«Qui dalla mezzanotte in poi è il delirio, è terra di nessuno - conferma Alberto - Io invito amici a casa, magari escono all’una di notte, di sabato, dopo una cena tranquilla, e loro si sentono a disagio. Lo capisco: non sono pratici dei vicoli di base, e la scena che si presenta metterebbe a disagio chiunque».

Alcuni residenti di via San Luca hanno deciso di passare alle vie legali: «Il mio palazzo e altri due hanno unito le forze - spiega Schiavetti - Stiamo raccogliendo materiale e testimonianze per presentare un esposto-denuncia, nella speranza che ci prestino maggiore attenzione». 

A oggi l’area di via San Luca, insieme con quella della Maddalena e di Pré, è nel mirino di Comune e forze dell’ordine, che in un piano condiviso, qualche settimana fa, hanno suddiviso il centro storico in tre zone, una in più rispetto al piano precedente, per un presidio alternato a rotazione a opera di polizia di Stato, carabinieri e polizia Locale. Per i residenti, però, la situazione sembra essere arrivata a un punto di non ritorno: «Non chiediamo molto, almeno un presidio fisso in piazza Banchi, come durante il lockdown, nelle ore notturne - conclude Alberto - Un presidio fisso aiuterebbe a tenere sotto controllo spaccio e degrado, e almeno a farci dormire la notte».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

  • È arrivata la neve: le foto

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

Torna su
GenovaToday è in caricamento