Dalla scalinata di San Lorenzo sparisce il corrimano d'acciaio

Le due ringhiere sono state rimosse in seguito alle polemiche dei cittadini e a un esposto arrivato in Procura

Proprio non andava giù ai genovesi quel corrimano di acciaio installato sui gradini di marmo sulla scalinata della cattedrale di San Lorenzo. L'insofferenza è stata tale da far arrivare alla magistratura un esposto che cita le Belle Arti e la Curia di Genova e l'indignazione, alla fine, ha vinto: le ringhiere sono state rimosse.

La polemica era scoppiata nei giorni scorsi quando la Soprintendenza aveva negato che fosse arrivata l'autorizzazione a procedere. Tanta la rabbia manifestata dai cittadini nel vedere i bulloni incastonati nei gradini, "un pugno in un occhio" secondo i passanti che avevano segnalato l'installazione del corrimano. 

«Il corrimano è stato rimosso - commenta Francesca Candiani, la restauratrice autrice dell'esposto - sono rimaste le placche a terra, nastrate di bianco e rosso perché nessuno ci inciampi e mi auguro che vengano tolte in un secondo momento. Spero inoltre che in sostituzione venga proposto un corrimano a tondino in ferro battuto leggero e sottile sul perimetro dei leoni, con meno impatto possibile alla volumetria. Ed eventualmente riutilizzando i buchi già esistenti per non dover forare ulteriormente i marmi, con un nuovo danno al patrimonio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due trattorie di Genova tra le migliori in Italia, secondo la classifica di "Repubblica Sapori"

  • Tragedia in via Piacenza: uccide la moglie e si getta dal balcone

  • Nuovo ponte: maxi trave è troppo lunga, il varo slitta per "limarla"

  • Evasore totale affitta villa extra-lusso su Airbnb, scatta il sequestro

  • Processionaria, primi avvistamenti in città: i consigli del veterinario

  • San Valentino: i luoghi più romantici di Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento