rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza San Lorenzo

Corrimano d'acciaio sulle scale della cattedrale, i genovesi insorgono

Le due ringhiere sono comparse nei giorni scorsi, e hanno rapidamente attirato l'attenzione dei genovesi. Che non hanno visto di buon occhio la "colata" di acciaio sull'antica scalinata

Corrimano d’acciaio sugli antichi scalini di marmo levigato della cattedrale di San Lorenzo. E i genovesi insorgono: chi ne ha autorizzato l’installazione?

La polemica è scoppiata nei giorni scorsi, quando i primi cittadini hanno iniziato a notare i due corrimano di acciaio scintillare sulla scalinata: «Un pugno in un occhio», è l’opinione generale, che sconfina nella rabbia nel vedere i bulloni incastonati nei gradini. 

La Soprintendenza, dal canto suo, nega che sia mai arrivata l’autorizzazione. I corrimano, però, restano ben piantati all’ingresso della cattedrale, e sono sempre di più i passanti che si fermano a osservarle con occhio critico ritrovandosi a passare da San Lorenzo.

sull’argomento nel frattempo è intervenuta anche Italia Nostra, l’associazione nazionale che si occupa di salvaguardia di beni culturali, artistici e naturali: «Esisteva ai tempi della costruzione della cattedrale quella lega di metalli lucenti? Questo dovevano domandarsi il progettista ed il proprietario della Cattedrale di San Lorenzo - è stato il commento del presidente Oreste Rutigliano - Li abbiamo visti le prime volte ai grandi magazzini o nelle metropolitane. Eppure anche un tempo si temeva che i vecchietti scivolassero e nei nostri ricordi ai piedi dei monumenti affiorano esili corrimano color ferro, messi ad arte per non farsi notare ed allo stesso tempo eleganti. Preghiamo sommessamente di buttare quel dozzinale arnese. Che non è frutto nemmeno di un gesto creativo, sia pur provocatorio, ma di mera pigrizia mentale, acquistato al più vicino negozio di ferramenta».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corrimano d'acciaio sulle scale della cattedrale, i genovesi insorgono

GenovaToday è in caricamento