menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paura a Sampierdarena, armati di coltello assaltano tre negozi in un'ora: arrestati

I rapinatori, due giovani di 23 e 26 anni, hanno preso di mira un supermercato, un panificio e un pub di quartiere. Bloccati dopo un inseguimento, è stato provvidenziale l'aiuto fornito dai passanti

Tre rapine messe a segno in meno di un’ora, coltello alla mano e minacce a commessi e titolari dei negozi che alla fine, complice anche la tempestiva telefonata alle forze dell’ordine, sono riusciti a farli arrestare: è successo nel tardo pomeriggio di lunedì a Sampierdarena, dove due banditi, un 26enne originario di Bari e un 23enne genovese, hanno terrorizzato il quartiere finendo per essere bloccati al termine di un rocambolesco inseguimento.

Il primo allarme è scattato poco prima delle 20, intorno all’orario di chiusura del primo esercizio commerciale preso di mira: i due rapinatori sono entrati in un supermercato di via Dattilo, uno, il 23enne, a volto coperto dal cappuccio perché residente nel quartiere, l’altro a volto scoperto e brandendo un coltello con cui ha minacciato i clienti presenti e il direttore del negozio. Che si è rifiutato di consegnare l’incasso, ha reagito ed è riuscito a metterli in fuga, spingendoli a tentare il colpo poco distante, in via Palazzo della Fortezza, dove la coppia ha fatto irruzione in un panificio raggiunto a piedi. 

Qui la commessa, sola e terrorizzata dal coltello da macellaio impugnato da uno dei due, ha consegnato 300 euro in banconote e li ha osservati scappare verso via Daste, dove hanno nuovamente colpito. Questa volta nel mirino è finito un pub, da cui i due sono fuggiti con una cassetta di sicurezza di metallo contenente l’incasso, circa 100 euro, e alcuni plettri di chitarra ritrovati poi dai carabinieri abbandonati in strada.

Proprio i carabinieri nel frattempo si sono precipitati sul posto, con i militari del Nucleo Radiomobile che, anche grazie alle indicazioni fornite dai passanti che avevano visto i due malviventi fuggire a piedi per le vie del quartiere, sono riusciti a rintracciarli in via Rela. Ne è nato un inseguimento, culminato con il fermo dei rapinatori, che perquisiti sono stati trovati in possesso di parte del denaro, custodito in un sacchetto di plastica, e di un barattolo delle mance. Il resto del bottino, comprese le due felpe indossate durante i colpi, sono invece stati trovati nelle vie che i due avevano percorso durante la fuga.

Il denaro è stato restituito ai titolari del panificio e del pub, e la coppia di rapinatori è stata arrestata e portata in carcere. Ancora in corso, invece, le ricerche del coltello da macellaio usato nei colpi: indagini sono in corso per chiarire se i due siano i responsabili di altre rapine messe a segno in precedenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento