«Spugne fritte ritrovate a Sampierdarena», è ancora allarme per i cani

Cittadini sempre in stato di allerta per individuare bocconi potenzialmente sospetti. Ma gli organizzatori delle “ronde” avvisano: «Attenzione a non fare allarmismo»

L’impegno dei “residenti guardiani” e le promesse del Comune di dare un giro di vite ai controlli non sembrano avere scoraggiato chi abbandonata esche avvelenate e spugne fritte in giro per la città.

L’ultimo ritrovamento è avvenuto a Sampierdarena, in corso Martinetti: stando alle foto diffuse sui social network, all'altezza del civico 51 sarebbe stato individuati e poi rimosso un mucchietto di quelle che sembrano a tutti gli effetti spugne fritte, letali per i cani perché se ingerite finiscono per gonfiarsi nello stomaco e portare alla morte.

Il ritrovamento, come detto, è stato documentato con foto e diffuso in gruppi e chat dedicate per mettere in guardia i padroni di cani, che in queste ultime settimane stanno dedicando sempre più attenzione all’ambiente che li circonda quando portano a passeggio i loro amici a quattro zampe. L’invito del Comune, d’altronde, era stato proprio quello a una «mobilitazione cittadina», come sottolineato dall’assessore Matteo Campora durante un consiglio comunale, per segnalare eventuali comportamenti sospetti e prevenire tragedie. 

Sullo stesso fronte lavora anche chi ha deciso di aderire all’iniziativa di Stefano Weiss, che dal gruppo Facebook “Segnalazioni bocconi avvelenati Genova e provincia” aveva lanciato l’idea di pattugliare i diversi quartieri una o più volte a settimana, senza uno schema fisso, per tenere alla larga chi semina morte attraverso bocconcini avvelenati o ripieni di chiodi e allo stesso tempo controllare le strade in cerca di esche killer, diffondendo poi un resoconto dettagliato di ogni uscita per contribuire a rafforzare la rete. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più se ne parla meglio è, insomma, anche se, mentre le ronde continuano, si chiede comunque prudenza e attenzione nel gestire eventuali segnalazioni: meglio evitare di creare allarmismi, sottolineato i “guardiani”, e verificare sempre che quanto si è trovato sia effettivamente rischioso. Per farlo, è importante raccogliere potenziali esche o spugne fritte e consegnarle alla Municipale o alle guardie zoofile ambientali per farle analizzare: in questo modo è stato possibile accertare che i tramezzini trovati all’Acquasola qualche settimana fa erano, di fatto, semplici tramezzini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento