Cronaca

Agguati agli anziani per derubarli delle collanine: in manette due rapinatori diciottenni

I fatti risalgono allo scorso 19 luglio, due scippi messi a segno a pochi minuti di distanza. In un caso la vittima, una donna di 80 anni, è stata buttata a terra e picchiata

Due scippi compiuti ai danni delle vittime più fragili e indifese, gli anziani, nel giro di pochi minuti e nel raggio di poche centinaia di metri. A compierli, secondo le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Genova, due diciottenni ritenuti anche dalla procura “molto pericolosi” proprio per la violenta modalità con cui sono stati portati a termine.

I fatti: è il 19 luglio del 2020, una domenica mattina, e a Sampierdarena, sul sagrato della chiesa delle Grazie, un sessantenne viene raggiunto alle spalle da una persona che gli strappa la collanina d’oro che porta al collo, sparendo poi con il complice che lo stata aspettando poco distante per fare da palo.

Cinque minuti dopo, in via Romolo Pensa, è il turno di una donna di 80 anni che sta aspettando al figlia davanti al portone di casa. Anche in questo caso aggredita alle spalle, ma il debole tentativo di resistenza le è fruttato una serie di pugni e uno strattone che l’ha gettata a terra. Tutto per raggiungere la collana che portava al collo, preziosa non soltanto economicamente ma anche perché dono del marito morto. Alla scena assiste un passante, che prova a inseguire i due rapinatori senza però riuscire a raggiungerli e che chiama subito la polizia.

I Falchi della Mobile si erano attivati subito, avviando un’indagine serrata coordinata dalla Procura che ha consentito di individuare i due giovanissimi rapinatori: il gip ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, e sabato mattina i due sono stati trasferiti in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguati agli anziani per derubarli delle collanine: in manette due rapinatori diciottenni

GenovaToday è in caricamento