Cronaca Sampierdarena / Piazza Vittorio Veneto

Sampierdarena, mesi di molestie ai clienti per mangiare e bere gratis: denunciata la “stalker” dei bar

La donna, 33 anni, obbligava baristi e ristoratori della zona di piazza Vittorio Veneto a servirle alcol gratis per non molestare i clienti seduti ai tavoli

Mesi di molestie ai clienti, cui rubava cibo e bevande mentre erano seduti ai tavolini, e altrettante persecuzioni ai titolari, obbligandoli a servirla gratis per evitare ripercussioni. Era il “modus operandi” di una 33enne di origini romene che lunedì è stata denunciata per atti persecutori e resistenza a pubblico ufficiale e sanzionata anche per ubriachezza.

A intervenire sono stati i poliziotti del commissariato Cornigliano, chiamati dal titolare di un bar kebab di piazza Vittorio Veneto esasperato perché la donna passava tra i tavolini e rubava il cibo ai clienti, facendoli scappare. All’arrivo degli agenti la 33enne era seduta a un tavolo a mangiare proprio le pietanze lasciate su un tavolo: alla vista della volante ha gettato i piatti a terra e ne ha lanciati altri verso i poliziotti, urlando e minacciandoli.

Mentre veniva calmata e condotta in Questura per gli atti di rito, altri titolari di bar e ristoranti della zona si sono avvicinati agli agenti per raccontare delle persecuzioni che la donna stava mettendo in atto da almeno tre mesi.

Stando ai racconti, tutti i giorni, più volte al giorno, sempre ubriaca, faceva il giro dei bar della zona rubando le pietanze ai clienti, intimidendo i proprietari, consumando ai tavolini alcolici acquistati altrove e obbligando i baristi a servirle cibo e alcol gratis con la minaccia di far chiudere il locale a forza di importunare gli acquirenti. In diversi casi ha anche aggredito e picchiato i negozianti, lanciando le stoviglie contro chi la contrastava.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sampierdarena, mesi di molestie ai clienti per mangiare e bere gratis: denunciata la “stalker” dei bar

GenovaToday è in caricamento