Il "tour" per sicurezza di Garassino passa da Sampierdarena. M5s: «Propaganda»

L'assessore comunale alla Legalità ha fatto una passeggiata in notturna nel quartiere per affrontare il problema di locali e circoli

Una passeggiata notturna a Sampierdarena, uno dei quartieri che lui stesso ha indicato come sorvegliato speciale per il suo mandato appena iniziato, per  osservare da vicino i locali notturni e i “circoli culturali” che sono diventati l’incubo dei residenti: è trascorso così il sabato sera di Stefano Garassino, assessore alla Legalità e Sicurezza della giunta Bucci, “in missione” insieme con la collega al Commercio, Paola Bordilli.

Garassino, accompagnato da diversi esponenti della Lega del Municipio Centro Ovest, ha camminato lungo via Cantore, via Buranello, largo Gozzano, piazza Settembrini e piazza Veneto, un’ora di passeggiata conclusa con una promessa: provvedimenti concreti per vietare la vendita di bevande alcoliche in contenitori di vetro, un’ordinanza in grado di mettere un freno all’ubriachezza molesta e all’abuso di alcol che ogni notte trasforma le strade del quartiere in una sorta di girone infernale fatto di urla, schiamazzi ed episodi di degrado che spesso sfociano in violenza.

Più complicata invece la questione dei finti circoli culturali, in cui il Comune, e dunque la Municipale, non hanno “giurisdizione”. L’ipotesi di Garassino è stata quella di potenziare i controlli, creando una sorta di “task force” con polizia e carabinieri per presidiare le zone più problematiche.

Non tutti però hanno apprezzato l’iniziativa del nuovo assessore della giunta Bucci: la scelta dell’orario - le 22 - e dell’itinerario non ha convinto i rappresentanti del Movimento 5 Stelle in Municipio, che hanno sottolineato come Garassino e Bordilli abbiano evitato zone come via Fillak, via Sampierdarena e piazza Barabino, sede di alcuni tra i locali più problematici, preferendo una passeggiata “più sicura”.

«Siamo consapevoli del fatto che la nuova giunta si è appena insediata e deve avere il tempo di iniziare a lavorare - spiega Michele Colnaghi, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Municipio Centro Ovest - Sappiamo che per sanare la situazione sono necessari mesi, e che le chiusure dei locali più problematici vanno predisposte in un piano più ampio di riqualificazione, però la passeggiata è apparsa come una semplice operazione di propaganda politica: le vie più problematiche sono state evitate, e l’orario in cui è stata fatta, di sabato, non è certo quello in cui la situazione si fa più pericolosa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Allerta meteo, fulmine spegne la Lanterna. Neve e frane nell'entroterra

Torna su
GenovaToday è in caricamento