Cronaca Sampierdarena / Via Walter Fillak

Tentato omicidio a Sampierdarena, 39enne accoltellato dai tre fratelli

Un uomo di 39 anni è stato ricoverato all'ospedale San Martino con diverse ferite da arma da taglio. L'uomo è stato accoltellato dai fratelli in via Fillak. Due sono stati arrestati, un terzo è al momento irreperibile

Le volanti dell'ufficio prevenzione generale e del commissariato Cornigliano sono intervenute ieri sera poco prima delle 20 in via Fillak a Sampierdarena, all'altezza di via del Campasso, dove era segnalata una persona ferita a terra.

Gli agenti, dopo essersi fatti strada tra le numerose persone presenti, hanno raggiunto un uomo, già soccorso dal personale medico, che si trovava disteso a terra cosciente e con numerosi ferite da taglio al capo e al corpo. Dopo le operazioni di primo soccorso, il ferito, un tunisino di 39 anni, è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale San Martino, dove è stato sottoposto a intervento chirurgico.

Nel frattempo gli operatori intervenuti si sono subito attivati per individuare dei testimoni, riuscendo in prima battuta a intercettare il fratello 37enne della vittima che, in stato di forte alterazione psichica, urlava accusando dell'aggressione alcuni stranieri, poi risultati essere anch'essi suoi fratelli.

Pur non avendo ancora chiara la dinamica dei fatti, i poliziotti hanno capito che uno dei presunti aggressori si era rifugiato in un vicino negozio di ortofrutta e un secondo, che aveva materialmente ferito la vittima, si era allontanato in bicicletta.

Nell'esercizio commerciale i poliziotti hanno fermato e identificato un secondo fratello dell'aggredito, di 47 anni, titolare del punto vendita. I due fratelli, uno testimone e l'altro presunto aggressore, sono stati condotti in questura per ricostruire la dinamica dei fatti.

Qui si è appreso dal testimone che nel corso della giornata aveva avuto una discussione con un suo fratello 43enne per questioni legate all'attività lavorativa della moglie di quest'ultimo. Della lite aveva poi parlato con il fratello 39enne, successivamente vittima dell'aggressione.

Ieri sera, di ritorno da alcune commissioni, ha visto quest'ultimo litigare animatamente con i tre fratelli più grandi. Nei pochi minuti che ha impiegato per raggiungere la propria abitazione e tornare in strada, la lite è degenerate nell'aggressione.

Tali dichiarazioni sono state poi confermate da altre raccolte in ospedale da una volante che ha seguito il ferito. Questi infatti, prima di entrare in sala operatoria, ha confidato alla propria compagna che gli autori dell'aggressione erano i suoi tre fratelli maggiori.

In particolare quello di 43 anni, poi fuggito in bicicletta, lo aveva colpito con diverse coltellate alla schiena e altre parti del corpo e gli altri due, invece di cercare di fermare l’aggressore, lo avevano trattenuto consentendo a quest’ultimo di colpirlo ulteriormente.

Raccolti questi elementi una delle pattuglie si è recata presso l'abitazione del 43enne riuscendo, dopo alcune ricerche, a individuarlo e fermarlo in strada. Lo stesso presentava ecchimosi e graffi al volto e tracce di sangue sul gomito e sull'orologio, che è stato sequestrato. Tracce di sangue sono state trovate anche sugli abiti del 47enne fermato nel negozio di ortofrutta.

Al termine degli accertamenti i due fratelli sono stati tratti in arresto per il reato di tentato omicidio in concorso e condotti presso la Casa Circondariale di Marassi. Il terzo aggressore, di 50 anni, si è reso al momento irreperibile ed è stato denunciato per i medesimi reati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato omicidio a Sampierdarena, 39enne accoltellato dai tre fratelli

GenovaToday è in caricamento