Sampierdarena, Albaro e Foce: in arrivo 101 telecamere "anti crimine"

L'annuncio dell'assessore alla Legalità, Stefano Garassino: approvato il progetto ministeriale finalizzato a contrastare i reati predatori

Contrastare i reati predatori - scippi, borseggi, rapine e furti - sfruttando l’occhio del “Grande Fratello”: sono in arrivo nuove telecamere per le strade genovesi, 101 occhi hi-tech che controlleranno i quartieri ritenuti maggiormente a rischio affiancando il lavoro delle forze dell’ordine.

A confermare l’approvazione di un progetto di cui si parlava ormai da tempo è l’assessore comunale alla Legalità, Stefano Garassino, che ha spiegato che «si tratta di un progetto ministeriale che abbiamo presentato come assessorato alla Sicurezza, e che è dedicato ai quartieri con il più alto numero di reati predatori, che sono risultati essere Sampierdarena, San Teodoro, Foce e Albaro».

L’obiettivo è abbassare la percentuale di reati che contribuiscono anche ad abbassare la percezione di sicurezza dei cittadini: vinto il bando, nei 4 quartieri individuati arriveranno le telecamere che verranno gestite dal Comune in collaborazione con le forze dell’ordine.

«In questi quartieri potremo aumentare notevolmente la sicurezza e siamo molto soddisfatti - ha concluso Garassino - Si tratta di un provvedimento finanziato dal ministro degli Interni Matteo Salvini con il Decreto Sicurezza, e rientra nei progetti che vanno a migliorare la sicurezza urbana e a riqualificare le aree degradate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • È arrivata la neve: le foto

  • A 116 km orari in corso Europa: patente ritirata e maxi multa

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Il proverbio di Santa Bibiana, che "prevede" il meteo

Torna su
GenovaToday è in caricamento