'Super Daspo' tifosi Samp, Coisp: «Ferrero risarcisca agenti feriti»

«Risarcisca le spese sanitarie di quei poliziotti feriti da parte dei tifosi Sampdoriani dopo la partita contro il Palermo». Così Matteo Bianchi, Segretario Generale Regionale Coisp, rivolto al presidente Ferrero

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

«Ottima performance canora del presidente Ferrero che ha dimostrato per l'ennesima volta di essere un personaggio atipico rispetto agli standard a cui eravamo abituati. Ora faccia un gesto, mai fatto prima, e risarcisca le spese sanitarie di quei poliziotti feriti da parte dei tifosi Sampdoriani dopo la partita contro il Palermo». Inizia così l'intervento di Matteo Bianchi, Segretario Generale Regionale Coisp, il giorno dopo la presenza appunto di Ferrero sul palco del Festival di Sanremo e la sentenza del Daspo di otto anni per tre tifosi della Sampdoria.

«Sarebbe un gesto unico da parte del presidente della Sampdoria, perché forse neanche lui ne è a conoscenza del fatto che se un appartenente delle Forze dell'Ordine si infortuna sul lavoro, come appunto accaduto a quei tre colleghi che si sono dovuti fare medicare dopo le violenze perpetrate nei loro confronti da parte dei tifosi sampdoriani, deve pagarsi di tasca propria le spese mediche relative, come appunto accaduto anche a questi tre malcapitati colleghi - continua Bianchi -. Ogni anno i poliziotti impiegati in manifestazioni sportive riportano danni per migliaia di euro e purtroppo queste spese vive sostenute dagli appartenenti delle Forze dell’Ordine non saranno mai risarcite da nessuno. Per tali motivi proponiamo al presidente della Sampdoria, con una iniziativa per sensibilizzare e civilizzare anche quella frangia più violenta dei pseudo “tifosi”, che i soldi spesi dalla società per risarcire gli infortuni delle Forze dell’Ordine saranno tolti dal bilancio per l’acquisto/ingaggio di nuovi giocatori».

Conclude Bianchi: «crediamo che lo sport senza violenza possa esistere, negli ultimi anni sono stati fatti passi importanti, però ogni weekend calcistico su tutto il territorio Nazionale giungono ancora segnali di preoccupazione per le ferite riportante in scontri con i tifosi da parte delle Forze dell'Ordine. Questa nostra proposta, avanzata a un presidente innovativo e non convenzionale come Ferrero, potrebbe portare a risultati d'eccellenza».

Segreteria Regionale Coisp

Torna su
GenovaToday è in caricamento