rotate-mobile
Cronaca Rossiglione

Rossiglione: manifesti del Giorno della Memoria coperti con insulti contro la sindaca e il green pass

Gli insulti sono comparsi nella notte, imbrattando i manifesti del Giorno della Memoria. Durissima la replica della sindaca Katia Piccardo: "Avete tutto il mio ribrezzo. Ed io, a differenza vostra, mi firmo"

Manifesti anonimi con insulti contro il sindaco di Rossiglione, Katia Piccardo, e il green pass sono comparsi nella notte tra domenica e lunedì negli spazi riservati alle pubbliche affissioni della cittadina.

Le scritte sono state incollate non a caso sopra i manifesti del comune che ricordavano il Giorno della Memoria: "Giorno della memoria corta - si legge sui manifesti - per la sindaca nazicomunista che ha firmato con Toti la richiesta per attivare lo strumento di odio sociale chiamato green pass, nazi pass, anche nelle scuole elementari. Ora travestendosi da vittima cercherà i vostri consensi per difendersi e nascondere la natura nazista e discriminatoria senza base scientifica che fa rigirare i vostri nonninella tomba. Vincit veritas".

Immediata la reazione della sindaca Piccardo che ha affidato a Facebook le sue parole: "La meschinità dell'anonimato. La farneticazione del delirio. Sulle pubbliche affissioni del nostro comune sono stati deturpati i manifesti della Giornata della Memoria (sì, avete capito bene: proprio quelli) col favore delle tenebre (i vermi alla luce del sole non si fanno vedere nè si firmano) per rivolgersi a me e coniare la definizione di nazicomunista a mio carico. Siete dei poveretti. Dei ridicoli poveretti. E lasciate stare i miei nonni dove stanno perché non siete degni neppure di portare un caffè a chi stava sui monti in quegli anni e ben sapeva cosa fosse la Resistenza. Avete tutto il mio ribrezzo. Ed io, a differenza vostra, mi firmo".

Tante le manifestazioni di solidarietà che si stanno moltiplicando sui social: "Questa notte - scrive il già deputato Pd Mario Tullo - una mano vigliacca ha imbrattato i manifesti della civica amministrazione in occasione della Giornata della Memoria, insultando la memoria di Rossiglione e la sua giovane sindaca Katia Piccardo. Non c’entrano nulla i dubbi sulla vaccinazione. É il gesto frutto dell’ignoranza e della negazione della storia e del rispetto che si deve a chi si seppe opporre alla dittatura e pagò anche con la propria vita per restituirci la libertà".

"Tutta la solidarietà a Katia Piccardo, sindaca di Rosdiglione. Gli insulti a lei e a un paese che ha soffi il nazifascismo,quello vero, sono inaccettabili. Il resto, i paragoni con la situazione attuale, sono da respingere e condannare. Sempre" fa eco Anpi Genova.

"Quanto accaduto alla Piccardo è inaccettabile, grave e preoccupante. Un volantino che accomuna il green pass alla follia nazista non ferisce solo la Sindaca ma i principi stessi della nostra democrazia - afferma il direttore generale di Anci Liguria Pierluigi Vinai - Ci auguriamo che siano individuati presto i responsabili di un gesto ignobile e inqualificabile".

“È inammissibile e preoccupante il continuo parallelismo, a cui stiamo assistendo, tra le persecuzioni razziali e le misure per contrastare la diffusione del Covid. Le parole rivolte alla sindaca di Rossiglione Katia Piccardo, sono affermazioni gravi e farneticanti, da condannare assolutamente, e che dimostrano l'assoluta superficialità e mancanza di conoscenza della Storia. Da parte dei consiglieri del Gruppo PD in Regione Liguria massima vicinanza e solidarietà alla sindaca, con l’augurio che i responsabili vengano al più presto rintracciati" fa sapere il Partito Democratico.

"Il susseguirsi di episodi inneggianti la dittatura fascista e l’ideologia nazista impone un deciso cambio di passo. L’escalation nefasta composta di mal celati saluti nazisti anche dentro le istituzioni pubbliche, minacce a rappresentanti delle istituzioni, attacchi vigliacchi alle sedi sindacali, non possono essere relegati a goliardate. Nemmeno il pesante clima sociale che stiamo vivendo in pandemia giustifica l’equiparazione delle misure a contenimento del covid con le deportazioni nazi-fasciste. Le istituzioni non possono continuare ad eludere il problema e devono farsi carico di trasmettere i valori democratici contenuti nella Carta Costituzionale  alla base della civile convivenza. La nostra solidarietà va alla Sindaca Piccardo e a tutti quelli che subiscono simili attacchi, vili e oltraggiosi" è il commento della Cgil Genova.

"Vicinanza e solidarietà al sindaco di Rossiglione Katia Piccardo da parte di Regione Liguria in merito al volantino affisso la notte scorsa sopra i manifesti dedicati dal Comune della Valle Stura alla Giornata della Memoria. Con l’auspicio che gli autori del gesto vengano quanto prima individuati, si esprime profonda indignazione per le affermazioni inaccettabili riportate, che, paragonando il green pass alla follia nazista, dimostrano profonda ignoranza e offendono gravemente milioni di vittime della Shoah. Regione Liguria continuerà a percorrere convintamente la strada delle vaccinazioni, l’unica in grado di salvare vite e superare l’emergenza sanitaria, applicando senza esitazioni le disposizioni nazionali sul certificato verde" è il commento del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. "Appare assurdo e incomprensibile, ma in Italia c'è ancora chi continua a portare avanti questo parallelismo ignobile tra le persecuzioni razziali che caratterizzarono la shoah e i protocolli adottati dal Governo e dalle istituzioni locali per arrestare la pandemia da Covid. - dicono i consiglieri regionali della lista Toti - Condanniamo con forza le gravi affermazioni e le accuse deliranti che vengono mosse nei confronti del sindaco Piccardo e, nell'esprimere il nostro sostegno, confidiamo che i responsabili possano venire identificati nel minor tempo possibile".

Tra i commenti solidali al post della sindaca, anche quello di Giovanna Damonte, assessore di Arenzano che a novembre era stata aggredita su un treno regionale da una ragazzina dopo averle chiesto di indossare la mascherina: "Ribrezzo verso questa fetta, ristretta per fortuna ma estremamente fastidiosa, di 'personaggi' che credono di avere la verità nelle mani. Mani che però non ci mettono vigliaccamente la faccia. Tutta la mia solidarietà".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rossiglione: manifesti del Giorno della Memoria coperti con insulti contro la sindaca e il green pass

GenovaToday è in caricamento