menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cocaina sotto il bancone, arrestato noto barista del centro storico

Sigilli al bar Roger di stradone Sant'Agostino. Arrestato il titolare, secondo la polizia gestiva un giro di spaccio, che gli fruttava circa 20 mila euro a weekend

Da anni gestiva uno dei punti di ritrovo della movida del centro storico di Genova, il bar Roger di stradone Sant’Agostino, ma da dietro il bancone il titolare non serviva soltanto gli aperitivi: la polizia l'ha arrestato lo scorso giovedì a seguito di una perquisizione all’interno del locale, in cui gli investigatori hanno trovato 30 bustine di cocaina e 3 sacchetti di marijuana probabilmente pronti per essere smerciati.

Sarebbe dunque questo 41enne incensurato il cosiddetto “spacciatore della movida” su cui gli agenti del commissariato di Pré hanno indagato nello scorso mese e mezzo. Seguendo le segnalazioni degli abitanti del centro storico e raccogliendo informazioni, gli agenti sono risaliti al bar Roger, dove il titolare a quanto risulta avrebbe messo in piedi un giro di spaccio che gli fruttava quasi 20 mila euro a weekend.

Le sostanze “non erano occultate”, come hanno spiegato gli investigatori, ma in bella vista dietro il bancone dentro scatole per tabacco e astucci di caramelle. L'uomo riforniva soltanto acquirenti già noti o presentati dalla clientela del bar, cui serviva la droga insieme con i cocktail approfittando del flusso di gente all’ora dell’aperitivo e durante la serata.

L’arresto è avvenuto poco prima dell’apertura del locale, e il 41enne è stato colto praticamente in flagranza. Oltre alle dosi già pronte, la polizia ha rinvenuto nell’abitazione poco distante altre 70 bustine di cocaina già confezionate, marijuana e ovuli di hashish: il bilancio complessivo è di circa 150 grammi di cocaina, 60 grammi di mannitolo, 40 grammi di marijuana e 20 grammi di hashish sequestrati, oltre a circa 1000 euro in contanti. Secondo la polizia molti beni acquistati dall'uomo, che da 13 anni era il gestore del bar, sarebbero frutto dei proventi dello spaccio.

In seguito all’arresto il questore di Genova ha emesso un provvedimento di sospensione della licenza per il bar Roger, inoltrando al prefetto la proposta di revoca definitiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento