menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendono cuccioli in mezzo alla strada e rischiano il linciaggio

L'episodio è accaduto a Rivarolo, in piazza Guerra, dove 4 persone hanno parcheggiato una roulette piena di cagnolini di razza e incominciato le trattative. Accerchiati dai residenti, si sono dati alla fuga prima dell'arrivo dei carabinieri

Hanno tentato di vendere cuccioli di razza in mezzo alla strada, attirandosi le ire dei residenti della zona tra cui è esplosa la rabbia nel vedere in che condizioni fossero tenute le bestiole: è successo in Valpolcevera, dove quattro uomini hanno parcheggiato la roulottein cui custodivano i cagnolini e hanno poi incominciato le trattative, quasi si trattasse di un qualunque giorno di mercato.

Tutto è successo intorno alle 19 in piazza Emilio Guerra, a Rivarolo, sotto gli occhi dapprima incuriositi e poi allibiti degli abitanti del quartiere: i quattro sono arrivati in auto, trainando una roulotte da cui hanno estratto alcuni cucciolo di labrador e di beagle, riuscendo persino a “piazzarne” uno. All’interno, come hanno notato le persone che si sono avvicinate per capire cosa stesse succedendo, decine di altri cagnolini ammassati l’uno sull’altro e tenuti in terribili condizioni, alcuni dei quali molto sofferenti.

Immediate le segnalazioni ai carabinieri e alla Forestale, mentre qualcuno tenta di estorcere spiegazioni ai venditori “porta a porta”, che reagiscono dapprima con violenza, poi, al sopraggiungere di altre persone che accerchiano la roulotte, si spaventano e scappano, facendo perdere le loro tracce prima dell’arrivo dei carabinieri. Indagini sono ora in corso per rintracciare quella che a tutti gli effetti pare una banda specializzata in traffico illegale di cuccioli.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento