menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rivarolo, ricostruita la dinamica del tentato omicidio con pistola e mannaia

L'aggressore ha detto al tassista di attenderlo, è salito in casa della vittima, ha esploso tre colpi con una pistola calibro 38, poi ha afferrato una mannaia che era in casa e ha colpito la vittima alla testa

Resta ancora ignoto il movente del tentato omicidio, avvenuto in via Argine Polcevera a Rivarolo l'altro ieri. Potrebbe trattarsi di un regolamento di conti. La polizia ha però ricostruito la dinamica: l'aggressore 51enne conosceva la vittima, un suo coetaneo; si è recato nell'abitazione con un taxi e due valigie, con dentro l'abbigliamento da usare in galera.

L'aggressore ha detto al tassista di attenderlo, è salito in casa della vittima, ha esploso tre colpi con una pistola calibro 38, poi ha afferrato una mannaia che era in casa e ha colpito la vittima alla testa. Fortunatamente le ferite non si sono rivelate troppo gravi.

Il 51enne ha poi ripreso il taxi e si è costituito in questura. Successivamente è stato trasferito in carcere a Marassi. Nessuno dei due uomini coinvolti ha voluto spiegare il perché sia avvenuta l'aggressione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento