menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sampierdarena: notte di paura al pronto soccorso

Nella serata di martedì 21 maggio 2013, numerose telefonate giunte al 113 hanno segnalato una rissa in corso presso il pronto soccorso dell'ospedale Villa Scassi di Sampierdarena

Genova - Nella serata di martedì 21 maggio 2013, numerose telefonate giunte al 113 hanno segnalato una rissa in corso presso il pronto soccorso dell'ospedale Villa Scassi di Sampierdarena.

 

La volante del commissariato Cornigliano è stata indirizzata dalle persone presenti verso la sala di accesso al triage e la zona di scarico delle ambulanze dove un uomo, in uno stato di estrema agitazione, parandosi dinnanzi a un'autoambulanza, imprecava ad alta voce contro il personale medico, i pazienti e una guardia giurata.

Il soggetto, di fatto, stava bloccando l'accesso alla sala medica sia al personale di soccorso del 118 che ai pazienti in attesa su due auto-mediche ed è stato invitato dai poliziotti a spostarsi verso l'esterno della struttura sanitaria. Per contro l'uomo, un genovese di 37 anni con numerosi precedenti penali a suo carico, ha iniziato a inveire contro gli agenti, pronunciando frasi ingiuriose e minacciandoli di morte e li ha spintonati.

Non senza fatica, il personale in divisa è riuscito a bloccare il 37enne facendolo sedere all'interno dell'auto di servizio. I poliziotti hanno poi ascoltato la testimonianza di un infermiere in servizio al pronto soccorso, che ha riferito di aver sentito delle urla provenire dalla sala triage e, recatosi sul posto, ha visto un soggetto, indicato come la persona fermata, spingere un paziente, in attesa di accertamenti medici, facendolo cadere a terra e colpendolo al volto con degli schiaffi.

L'operatore sanitario, unitamente a una guardia giurata lì in servizio, è intervenuto per allontanare la persona agitata onde evitare ulteriori atti di violenza, ma per tutta risposta, il folle ha colpito il vigilante al volto con una manata continuando a insultare i presenti, avvicinandoli con fare minaccioso. Questi, impauriti, si sono rifugiati dietro a una barella vuota, che è stata utilizzata come schermo per respingere il soggetto in escandescenza.

Il pregiudicato, conosciuto come persona senza fissa dimora, solito frequentare le strutture pubbliche per passarvi le notti e consumatore abituale di sostanze alcoliche, è stato accompagnato presso gli uffici della questura e lì giunto ha tentato di auto lesionarsi, colpendo il muro con la testa. Questo gesto non gli ha impedito di essere arrestato per violenza, minacce, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e lesioni personali.

La guardia giurata aggredita è stata medicata con una prognosi di due giorni per contusione spalla destra e emivolto destro, mentre il paziente ferito non ha voluto al momento procedere nei confronti del suo aggressore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento