Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

Uno dei due contendenti è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Villa Scassi ed è stato dimesso con 10 giorni di prognosi, l'altro ha rifiutato le cure

Venerdì 31 luglio 2020, poco dopo le 22, gli agenti del reparto Sicurezza Urbana della polizia locale, in pattugliamento in via della Maddalena, nella zona B del centro storico (quella centrale), sono stati avvertiti da un passante che c'era una rissa in via San Luca. La squadra anti degrado è stata raggiunta da quella del nucleo Commercio dello stesso reparto, che stava effettuando controlli alle attività commerciali.

Arrivati in vico del Serriglio, un vicolo tra via San Luca e Caricamento, gli agenti si sono accorti che non si trattava di una rissa, ma di una colluttazione tra due uomini centroafricani, avvinghiati a terra in un lago di sangue. I due hanno continuato a picchiarsi nonostante gli agenti avessero intimato di fermarsi, così gli operatori di polizia locale sono stati costretti a utilizzare lo spray al peperoncino per riuscire a dividerli.

I due, entrambi maggiorenni, originari uno dal Gambia l'altro dalla Guinea, hanno rifiutato di riferire i motivi della lite. Il reato è perseguibile solo a seguito di querela di parte e nessuno dei due ha manifestato l'intenzione di querelare l'altro. L'uomo del Gambia, regolare sul territorio nazionale, è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Villa Scassi ed è stato dimesso con 10 giorni di prognosi, l'altro ha rifiutato le cure. Il guineano è stato fotosegnalato e risultato irregolare sul territorio, con invito a comparire. In assenza di querela di parte, entrambi sono stati rilasciati alle 3 del mattino dopo tutti gli adempimenti del caso.

Poco dopo le 22, quando le pattuglie erano appena intervenute per la zuffa nella zona B del centro storico, sono state contattate dalla centrale operativa del comando, che, su indicazioni della questura, ha richiesto l'intervento in piazza Pollaiuoli, nella zona C (quella di levante), per rumore proveniente da un locale e per vari avventori in prossimità di un'attività commerciale. Nell'impossibilità di abbandonare l'intervento in corso nella propria zona, hanno rimandato l'intervento alle forze di polizia al momento competenti sulla zona.

Nel corso del servizio, gli uomini del reparto Sicurezza Urbana della polizia locale hanno identificato 7 soggetti italiani di sesso femminile, di cui 2 maggiorenni e 5 minorenni. Sanzionato un pubblico esercizio per non aver ottemperato all'obbligo di vigilare che i frequentatori evitino comportamenti dai quali possano derivare rumori e disturbi alle persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • Morta in un incidente, raccolta fondi per la famiglia di Alessandra Parente: donati gli organi

  • Albaro: festa di compleanno notturna a Villa Gambaro, i residenti chiamano la polizia

Torna su
GenovaToday è in caricamento