menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcio, rissa in Prima Categoria: invasore di campo ci rimette un dito

Durante Struppa-Mura Angeli nervi tesi con una doppia invasione di campo. Il secondo invasore però è rimasto impigliato con un dito nell'anello della recinzione. Necessario l'intervento chirurgico d'urgenza. Partita sospesa

Domenica mattina di tensione a Sant'Eusebio, in Valbisagno. Alle 10.30 si gioca Struppa-Mura Angeli, partita valevole per il girone C di Prima Categoria tra due squadre in lotta per la salvezza. Intorno al 70' gli animi si accendono, ma nulla lascia presagire a ciò che sta per avvenire.

In seguito ad un fallo subito dal figlio ventenne, il padre presente sugli spalti, un carabiniere fuori servizio, ha scavalcato la recinzione e, secondo quanto riferito dai testimoni, si è avventato sul giocatore reo di aver commesso il fallo salvo poi colpire un terzo giocatore intervenuto per calmarlo con un pugno.

Nel frattempo un altro parente, questa volta della "fazione" opposta, ha cercato di scavalcare la recinzione per proteggere il ragazzo, ma è rimasto impigliato con un anello nella rete. L'uomo si è addirittura amputato il dito ed è stato trasportato d'urgenza all'ospedale San Paolo di Savona dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico.

L'arbitro ha deciso ovviamente di sospendere la partita (intorno al 70esimo minuto sul risultato di 1-1) nonostante gli animi in campi si siano calmati. Il ragazzo colpito dal pugno ha riportato un trauma facciale. Sul posto sono intervenute alcune volanti della polizia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento