menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Enrico Musso facebook

Foto Enrico Musso facebook

Coltellate in via Canneto, l'aggressore aveva già tentato di uccidere

I carabinieri hanno denunciato i due magrebini, autori di una violenta rissa in via Canneto Il Curto mercoledì 29 giugno. A carico dell'aggressore risultano due ordini di carcerazione, emessi in passato per un altro tentato omicidio e droga

Venerdì scorso, a conclusione attività investigativa, i carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia Centro hanno denunciato un marocchino, nato nel 1987, per il reato di tentato omicidio e un tunisino del 1984 per il reato di lesioni personali.

Questi ultimi sono stati riconosciuti quali autori della violenta lite avvenuta il 29 giugno scorso in via di Canneto il Curto e che ha portato al loro ferimento oltre a quello di un cittadino inglese del 1989, accidentalmente colpito all'atto di separare i due litiganti.

L'attività investigativa ha preso il via a seguito della segnalazione avvenuta il 29 giugno, alle ore 15.15, circa una rissa animata tra cittadini di etnia magrebina. All'arrivo sul posto, le pattuglie del Nucleo Radiomobile e i militari della compagnia Centro hanno trovato tre feriti, poi trasportati presso l'ospedale Galliera per le cure mediche.

Le immediate indagini, condotte ascoltando i presenti e visionando le immagini di una telecamera in via di Canneto il Curto hanno consentito di accertare che la lite si era svolta per futili motivi: i due hanno iniziato a offendersi, tanto che il primo, dopo aver prelevato a più riprese alcune bottiglie di vetro da un cassonetto della spazzatura nelle vicinanze, ha colpiva il rivale, provocando la reazione di quest'ultimo che, con un oggetto contundente ha colpito a più riprese la controparte; il tunisino, a causa delle ferite ricevute, è caduto a terra in attesa di soccorsi.

L'aggressore, a seguito della lite, ha provato ad allontanarsi verso via Turati, dove è stato fermato da una pattuglia della Guardia di Finanza, impiegata in normale servizio d'istituto. L'intera aggressione, durata tra le ore 15.15 e le ore 15.20, si è svolta in via di Canneto il Curto e nell'adiacente piazza Stella.

Dagli esami dattiloscopici condotti sul marocchino è emerso che a suo carico risultano due ordini di carcerazione emessi dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Genova nell'anno 2011, e dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Brescia nell'anno 2013, entrambi per reati in materia di stupefacenti. Inoltre risulta che lo stesso soggetto sia stato denunciato nel 2008 dalla questura di Genova per il reato di tentato omicidio, poiché ritenuto responsabile dell'accoltellamento ai danni di un connazionale avvenuto sempre nel centro storico.

Attualmente il marocchino, a causa delle ferite riportate, è in stato di detenzione presso l'ospedale San Martino, mentre il tunisino si trova tuttora ricoverato presso l'ospedale Galliera in prognosi riservata.

Sono in corso accertamenti per verificare il movente che ha portato alla violenta lite tra i due stranieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento