menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lite e botte in stabilimento balneare: aggredita la titolare

Momenti di tensione a Ferragosto in uno stabilimento balneare di Genova in via 5 Maggio. Un bagnante ha aggredito la titolare dei bagni spingendola e facendola cadere gravemente al suolo

Non è stato un Ferragosto facile per la titolare di un noto stabilimento balneare di Genova, in via 5 Maggio, a Quarto.

Una volante della polizia è infatti dovuta intervenire, ieri mattina, per una lite passata alle vie di fatto. Giunti sul posto gli agenti hanno notato la titolare dei bagni, donna di 45 anni, soccorsa dal personale del 118 e trasportata di seguito al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Martino in codice giallo.

I poliziotti hanno appreso dal bagnino e dai numerosi testimoni presenti che un uomo, ancora lì presente, ed identificato per un 47enne genovese, poco prima aveva avuto un diverbio con la titolare dello stabilimento privato che cercava di impedirgli l’accesso a una spiaggia comunale adiacente, interdetta al pubblico dal Comune di Genova a tutela della pubblica e privata incolumità.

A detta dei presenti, nonostante i ripetuti inviti ad uscire dall’area privata, il signore aveva continuato a scendere le scale di accesso all’arenile intenzionato a superare la recinzione posta a separare le due spiagge.

La proprietaria si era posta davanti all’uomo con l’intento di fermarlo e questo per tutta risposta aveva reagito violentemente, spingendola e facendola cadere a terra. La donna, aveva battuto violentemente la testa su un basamento di cemento, e nonostante fosse a terra intontita dal colpo, l’aggressore continuava ad inveirle contro, anziché soccorrerla. Il fermato a sua discolpa ha dichiarato che la donna voleva impedirgli l’accesso alla battigia, nonostante un non meglio precisato decreto che lo autorizzava e di averla spinta solo per sottrarsi alla sua aggressione.

Gli operatori hanno accompagnato il soggetto presso gli Uffici della Questura per gli accertamenti del caso, denunciandolo per i reati di lesioni ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento