L'inchiesta sui rider si allarga anche a Genova, decine di controlli

Da Milano le indagini esplodono in tutta Italia: i carabinieri hanno supportato gli uomini del Nucleo Ispettorato del Lavoro per raccogliere le dichiarazioni degli addetti alle consegne

Si allarga anche a Genova l’indagine sulle condizioni di lavoro dei rider, i lavoratori che si occupano di consegnare cibo per le principali piattaforme di food delivery. 

Dopo che la Procura di Milano ha commissariato Uber Eats, gli uomini del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno allargato il raggio di azione anche al resto d’Italia, e anche a Genova nei giorni scorsi decine di rider sono stati fermati per raccogliere dichiarazioni su paga, orari, contratti e anche misure di sicurezza anti Covid.

I carabinieri di Genova hanno supportato gli uomini del Nil nei controlli, con pattuglie del comando provinciale presenti Sampierdarena, in zona Fiumara, a Bribbgole, al Porto Antico e in piazza De Ferrari. Obiettivo, fermare i rider per strada e raccogliere informazioni e dichiarazioni finalizzate a fare luce nell’ambito di un’inchiesta che si sta allargando a macchia d’olio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • Lo spettacolo della Corsica dalla Liguria: miraggio o realtà?

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

Torna su
GenovaToday è in caricamento