menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ponte Morandi, un "reperto chiave" mostra la corrosione dei cavi di acciaio

Secondo gli inquirenti, il ponte sarebbe crollato proprio a causa della rottura degli stralli che custodivano i cavi

Potrebbe essere uno dei reperti catalogati dai periti della procura, la "prova chiave" che spiegherebbe come mai il ponte Morandi, quel tragico 14 agosto, è crollato.

L'attenzione è focalizzata sul "reperto 132", che mostrerebbe un avanzato stato di corrosione dei cavi di acciaio dentro lo strallo di cemento armato. E, secondo gli inquirenti, il ponte sarebbe crollato proprio a causa della rottura dei tiranti ammalorati da anni.

Secondo la Guardia di Finanza, la corrosione sarebbe dovuta a carenti manutenzioni. Proprio alla fine di quest'anno era previsto l'avvio di lavori speciali per il "retrofitting", il rinforzo delle pile 9 e 10. Il ponte, però, ha ceduto prima.

Il reperto verrà in ogni caso inviato in Svizzera per analisi più approfondite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento