rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Nuovo regolamento per la polizia locale: obbligo di saluto e niente piercing visibili

Dal nuovo testo sparisce l'obbligo di saper guidare una bicicletta, mentre è previsto che «il Comando potrà prevedere l'impiego, per i servizi a maggior rischi operativo, di Body Cam e Dash Cam»

Il consiglio comunale di Genova si appresta a votare il nuovo regolamento del corpo di polizia locale. La delibera è all'ordine del giorno del consiglio comunale di martedì 8 giugno 2021. Il regolamento attuale risale al 1956.

C'è anche un codice deontologico, composto da sei articoli. Il primo si riferisce alle 'Norme generali di comportamento'. «Agli appartenenti al Corpo - si legge - è fatto divieto di assumere, anche fuori servizio, comportamenti od atteggiamenti che arrechino pregiudizio al decoro del Corpo o all'interesse della Civica Amministrazione. Durante il servizio, l'appartenente al Corpo deve mantenere un contegno corretto ed irreprensibile, operando con senso di responsabilità in modo da riscuotere sempre la stima, il rispetto e la fiducia della collettività».

«A fronte di comportamento oltraggiosi o provocatori - prosegue l'articolo 1 del codice deontologico -, deve mantenere comunque un atteggiamento irreprensibile ed equilibrato, evitando di alimentare nell'altro ostilità, reazione, provocazione. Egli deve corrispondere alle richieste dei cittadini, intervenendo o indirizzandoli secondo criteri di opportunità ed equità, e si deve dimostrare cordiale e disponibile con coloro che chiedono notizie, indicazioni ed assistenza. Deve sempre salutare la persona che lo interpella o a cui si rivolge e rivolgersi a lui in corretta lingua italiana. In caso di necessità, l'interprete deve impiegare la lingua straniera conosciuta».

«L'appartenente al Corpo, qualora esplicitamente richiesto dal cittadino, deve fornire sempre elementi utili alla sua identificazione (matricola vigilanza). Quando opera in abito civile, deve prima qualificarsi esibendo la tessera di servizio. È fatto divieto di fumare o bere bevande alcoliche durante i servizi nonché nei luoghi di lavoro, compresi i veicoli di servizio. È fatto altresì divieto di intrattenersi in occupazioni non inerenti il servizio o chiacchierare inutilmente con altri colleghi o cittadini se non per motivi inerenti il servizio».

L'articolo 2 si occupa della 'Cura della persona e obbligo di indossare l'uniforme. «L'appartenente alla Polizia Locale deve indossare l'uniforme con cura e decoro - si legge -. Quando è in uniforme, l'appartenente al Corpo, deve avere particolare cura dell'aspetto esteriore della propria persona. Sull'uniforme possono essere portate dai singoli appartenenti le decorazioni al valore civile e militare, applicate secondo le consuete modalità d'uso e le onorificenze riconosciute dallo Stato Italiano».

«È fatto divieto di portare ogni altro distintivo o apportare qualunque modifica all'uniforme o al grado se non preventivamente autorizzato dal Comando. È tassativamente vietata durante il servizio l'applicazione di piercing visibili. Il personale deve altresì porre particolare cura affinché l'acconciatura dei capelli, della barba e dei baffi, nonché i cosmetici da trucco, siano compatibili con il decoro della divisa e la dignità della funzione, evitando ogni forma di appariscenza. È escluso l’uso di ogni tipo di monile che alteri l’uniforme o che comunque sia incompatibile con la sicurezza fisica dell’operatore».

L'ultimo articolo, il sesto, è dedicato al saluto. «Il saluto verso i cittadini, le istituzioni, le autorità che le rappresentano nonché verso i superiori gerarchici è un dovere per gli appartenenti al Corpo in quanto espressione di rispetto nei confronti dei destinatari dello stesso».

Dal nuovo testo sparisce l'obbligo di saper guidare una bicicletta, mentre è previsto che «il Comando potrà prevedere l'impiego, per i servizi a maggior rischi operativo, di Body Cam (telecamere a bordo uomo) e Dash Cam (telecamere a bordo veicoli di servizio), nonché dotarsi di dispositivi, quali droni (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) e ogni altra tecnologia di ripresa video e di captazione di immagini, necessari al raggiungimento di finalità istituzionali».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo regolamento per la polizia locale: obbligo di saluto e niente piercing visibili

GenovaToday è in caricamento