menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sport nautici, nuove regole dal 1 giugno

La Capitaneria di porto di Genova ha emanato il regolamento che disciplina le attività nauticodiportistiche nelle acque marittime antistanti i comuni da Camogli sino a Cogoleto. Il regolamento entra in vigore il 1 giugno 2014

Con ordinanza n. _75_/2014, la Capitaneria di porto di Genova ha emanato il regolamento che disciplina le attività nauticodiportistiche nelle acque marittime antistanti i comuni da Camogli sino a Cogoleto.

Il regolamento entra in vigore il 1 giugno 2014 e da tale data sono abrogate le ordinanze nn. 87/96, 123/97 e 18/99, ormai superate. Il provvedimento disciplina le attività più comuni quali la navigazione con l’acquascooter, l’uso del kitesurf e del windsurf, lo sci nautico, il traino di galleggianti, ecc. Inoltre, viene data una prima regolamentazione su un’attività emergente, denominata jetlev flyer, consistente nel sostentamento idrodinamico dell’utilizzatore a mezzo di pompa idrogetto.

Specifica attenzione è stata posta al tema della locazione e del noleggio di natanti da diporto, delle immersioni subacquee a scopo sportivo-ricreativo nonché dell’utilizzazione delle unità da diporto in appoggio alle suddette immersioni. In particolare, una novità consiste nella possibilità da parte dei diving, eroganti servizi di immersione professionalmente organizzati, di fornire il solo supporto logistico di superficie, con unità appoggio, a beneficio del subacqueo in possesso di brevetto in corso di validità che intenda praticare l’immersione sportiva o ricreativa per proprio conto e senza assistenza durante la fase dell’immersione stessa.

In conclusione, con l’ordinanza n. _75_/2014 scaricabile al link www.guardiacostiera.it/genova/ordinanze.cfm-, si è voluto compendiare in un unico provvedimento le norme disciplinanti le attività ludiche praticate durante la stagione estiva. In tal modo si è inteso anche conferire un quadro di regole unitario di pronto impiego a vantaggio sia dei diportisti che degli operatori del settore.

In sintesi
Moto d’acqua: obbligatorie patente nautica e 18 anni di età. Si possono utilizzare solamente a oltre 300 metri dalle spiagge e a 200 metri dagli scogli. Lo specchio marino si raggiunge, a una velocità di non più di tre nodi, lungo una corsia di alaggio dedicata.

Jetlev flyer: obblighi analoghi alle moto d'acqua. In più il mezzo dovrà essere dotato di un telecomando per lo spegnimento.

Kite e windsurf: anche qui utilizzo consentito solamente a oltre 300 metri dalla costa (200 metri se scogli) e non oltre il miglio dalla costa. Per il kite obbligo di dotarsi di attrezzo idoneo per recidere le cime. Si deve indossare un mezzo individuale di salvataggio e una cintura omologata di salvataggio.

Sub e pesca sportiva: solo per chi ha il brevetto e per la seconda solo in apnea ad almeno 500 metri dalle spiagge per bagnanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento