rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca

Povertà, Regione contro governo: “Criteri sbagliati per distribuzione fondi”

L'assessore Viale ha scritto una lettera alla Commissione Politiche Sociali che si riunisce domani a Roma. Secondo la vicepresidente non ci si può basare su dati Istat che risalgono a quattro anni fa

Secondo il Governo a Genova ci sarebbero meno di mille persone senza fissa dimora e per questo ridurrebbe le risorse da inviare alla Regione. Ma i dati su cui si basa il ministero del Lavoro e Politiche sociali per il riparto del Fondo nazionale destinato alle estreme povertà, si basa su una rivelazione Istat del 2014. La vicepresidente e assessore alla Sanità, Sonia Viale, ha per questo espresso un parere negativo sui criteri di assegnazione adottati e ha inviato una lettera a Roma, alla vigilia della riunione della Commissione Politiche sociali, che discuterà sui pareri tecnici e politici raccolti sul documento prima del passaggio in Conferenza Unificata.

Alla base del giudizio fortemente negativo, si diceva, la decisione del governo di basare la ripartizione delle risorse su una rilevazione Istat del 2014 da cui risulterebbe che in tutta la Liguria sono presenti solo 977 persone senza fissa dimora, escludendo di fatto il Comune di Genova dall’elenco di quelli con oltre mille persone senza fissa dimora, con una conseguente riduzione delle risorse da impegnare.  

«Non è accettabile – afferma l’assessore Viale - che il governo effettui un riparto di risorse su un tema così delicato e importante sulla base di dati risalenti a quattro anni fa, che non solo non sono aggiornati ma avevano anche già comportato una forte penalizzazione del Comune nell’ambito di un riparto avvenuto nel 2016. Già allora i nostri uffici avevano sottolineato l’incongruenza del criterio adottato, senza tuttavia ottenere alcun riscontro: è grave che non si sia tenuto conto di queste osservazioni e ancora di più che gli stessi identici criteri siano stati riproposti oggi per il riparto del Fondo nazionale sulle estreme povertà».

Nella lettera la vicepresidente Viale chiede quindi l’inserimento di Genova nel riparto delle risorse destinate ai Comuni capoluogo di città metropolitane con oltre 1000 persone senza fissa dimora in quanto: «Dai dati a disposizione del Comune e degli enti del terzo settore – spiega la vicepresidente Viale - con i quali da anni vengono portati avanti percorsi di co-progettazione e monitoraggio sull’utenza, risulta in modo chiaro ed evidente la presenza sul solo territorio comunale oltre mille persone senza dimora».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Povertà, Regione contro governo: “Criteri sbagliati per distribuzione fondi”

GenovaToday è in caricamento