menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I testimoni bloccano la complice e la polizia arresta il rapinatore

Josè Antonio Anchunda Parrales, di 26 anni, è stato arrestato quale responsabile della rapina violenta effettuata in via Rollino in compagnia di Mercedes Hernandez Ayoui. Il giovane spintonò un'anziana, che cadde e si ruppe il femore

La squadra mobile ha arrestato un violento rapinatore particolarmente attivo nel nostro capoluogo. La mattina del 20 maggio, una signora di 71 anni, mentre rincasava dopo aver fatto la spesa, è stata avvicinata in via Rollino a Sestri Ponente da un uomo.

Il malvivente a spinto violentemente a terra la vittima, strappandole dal collo la catenina d’oro e procurandole una frattura del femore con una prognosi di 30 giorni. Il rapinatore ha poi raggiunto uno scooter guidato da una ragazza sua complice e, nonostante la via di fuga del veicolo fosse stata bloccata dall’intervento di un motociclista di passaggio, che aveva assistito alla rapina, il malvivente è riuscito a far perdere le proprie tracce scappando a piedi.

La ragazza, identificata in Mercedes Hernandez Ayoui invece è stata bloccata da alcuni passanti e consegnata a personale dell'ufficio prevenzione generale, che la arrestava per il reato di rapina.

La sezione criminalità diffusa, avvalendosi delle dichiarazioni e descrizioni fornite dai testimoni, ha stretto il cerchio dei possibili autori su alcuni cittadini ecuadoriani particolarmente violenti.

Le successive indagini, anche di natura tecnica, hanno consentito di identificare l’esecutore materiale del grave reato commesso il 20 maggio in Josè Antonio Anchunda Parrales, di 26 anni, con precedenti di polizia.

La successiva attività investigativa, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Landolfi, è sfociata nell’emissione in data 18 luglio, della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti dell'Anchunda, il quale però risultava irreperibile.

Mercoledì 7 agosto 2013, gli uomini della squadra mobile a seguito di un predisposto servizio, hanno rintracciato il catturando al quale hanno notificato il provvedimento trasferendolo presso la casa circondariale di Marassi

Sono in corso indagini volte ad accertare la responsabilità dell'indagato in ordine ad altri episodi delittuosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento